Janas
sala nanni loy

La sala Nanni Loy riprende le attività dopo un lungo periodo di chiusura

Il cineteatro Nanni Loy è stato a lungo un centro culturale di riferimento per Cagliari, un ponte fra il mondo studentesco e l’intera città.

Sorto agli inizi degli anni Novanta nei locali della ex mensa della casa dello studente di via Trentino su un progetto originario dell’architetto Roberto Badas del 1986, poi ripreso e completato nel 1993 dall’architetto Ignazio Garau, incaricato della realizzazione di tutto il Centro Culturale Mensana, lo spazio Cineteatro Nanni Loy è dotato di una sala con 149 posti, un ampio palcoscenico con schermo cinematografico, grandi camerini e cabina di proiezione più un atrio spazioso in cui è possibile allestire mostre.

Nel 1996 entra a pieno regime con una regolare programmazione curata dallo stesso ERSU di cinema, teatro e musica.

Gli spettacoli delle principali compagnie di teatro e dei musicisti isolani si alternavano coi laboratori rivolti agli studenti e agli eventi con gli ospiti del continente. Sul palco salivano gli attori della Compagnie Teatro di Sardegna, di Akroama, di Fueddu e Gestu, i Tenores di Bitti e di Orgosolo, i gruppi a cuncordu di Santu Lussurgiu e Irgoli, i jazzisti Paolo Fresu, Enzo Favata, ma poteva capitare di incappare anche in eventi straordinari come un monologo di Dario Fo o un concerto di Enrico Rava. E poi il cinema con rassegne monografiche e una programmazione periodica di seconde visioni.

L’adeguamento alla nuova normativa di sicurezza e la necessità di manutenzioni importanti hanno portato alla chiusura dello spazio per alcuni anni in attesa del reperimento delle risorse necessarie. Ultimati i lavori per la messa in sicurezza dello spazio, la sala Nanni Loy ritorna a studentesse e studenti e alla città per riprendere il suo ruolo di centro culturale di riferimento della vita universitaria. Nella prospettiva di una programmazione regolare da iniziare nel 2019, il calendario dei prossimi mesi prevede diversi eventi, che saranno presentati in una conferenza stampa prevista per il prossimo 19 ottobre, alle ore 11.00 presso la sala Nanni Loy di Via Trentino s/n a Cagliari. Tra gli eventi in programma ricordiamo la giornata “Sardi nei ricordi” dedicata al regista Nanni Loy (23 ottobre), organizzata dal Club Lioness, alla presenza del figlio del regista Tommaso Loy, la seconda parte del Festival del cinema Creuza de Mà (1-4 novembre), e la rassegna di film commemorativi in occasione del centenario della conclusione della Grande Guerra, che si svolgerà in otto giornate tra l’8 novembre e il 14 dicembre, con la proiezione di materiale cinematografico di grande interesse storico e culturale e con l’intervento di importanti critici cinematografici di rilevanza nazionale. La rassegna dal titolo “La guerra parallela – Il cinema e il primo conflitto mondiale” prevede seminari e proiezioni di film, molti mai proiettati in Sardegna, uno inedito in Italia, tutte preziose opere che sono state ritrovate e restaurate in questi anni di commemorazioni. Si sottolinea che i film muti previsti dal programma (J’accuse di Abel Gance, Maciste alpino e Scene di guerra alpina) saranno accompagnati da musica dal vivo eseguita dallo Swing Quartet (Paolo Carrus pianoforte, Corrado Salis contrabbasso, Marco Argiolas clarinetto e sax, Alessandro Garau batteria) e dagli studenti del Conservatorio di Cagliari coordinati dal prof. Alessandro Olla. La rassegna è promossa dall’Ente Regionale per il Diritto allo Studio (Ersu) di Cagliari, in collaborazione con l’Università di Cagliari, Facoltà di Studi Umanistici, Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio, il Conservatorio Giovanni Pierluigi da Palestrina, Associazione Sardinia Pro Arte e il critico cinematografico Giuseppe Ghigi.

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Conoscer-si: il progetto che attraverso l’arte combatte il disagio giovanile.

Il progetto conoscer-si è triennale ed è stato finanziato dalla Fondazione di Sardegna, in collaborazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *