Alexa Unica Radio
Abaco

Francesca: “alle medie ho sofferto per colpa di una maestra”

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Francesca: "alle medie ho sofferto per colpa di una maestra"
/

Francesca ci racconta le sue problematiche dovute alla discalculia: la dislessia della matematica. Le difficoltà sono iniziate quando avevo 7 anni.

Analizziamo le difficoltà che i bambini incontrano con i numeri e la matematica più in generale. Bisogna premettere subito che spesso la discalculia, intesa come il disturbo relativo all’apprendimento del sistema dei numeri e dei calcoli, si presenta associata alla dislessia. In alcuni casi, anche se piuttosto rari, è un problema che si riscontra in modo isolato nei bambini. Con il termine discalculia non si intende fare riferimento alle difficoltà che in modo più o meno frequente vengono osservate nella comprensione della matematica.

discalculia problematiche francesca matematica studio difficoltà

Con tale termine si fa invece riferimento a un disturbo specifico del sistema dei numeri e del calcolo. Questo in assenza di lesioni neurologiche e di problemi cognitivi più generali. Per tale motivo usiamo quello che è stato esplicitato per la dislessia. È importante, infatti, sottolineare che la discalculia si manifesta nonostante un’istruzione normale, un’intelligenza adeguata, un ambiente culturale e familiare favorevole. Il disturbo coinvolge, in particolare, l’acquisizione di abilità relativamente semplici. Si intende, ad esempio, la scrittura e la lettura dei numeri e il sistema del calcolo ( lo studio delle tabelline, l’esecuzione di calcoli ecc.).

La discalculia viene suddivisa in primaria e secondaria:

  • Quella primaria rappresenta il disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche;
  • Quella secondaria si presenta associata ad altri problemi di apprendimento, quali la dislessia, la disgrafia, ecc. In queste situazioni ci si occuperà soprattutto del problema dislessia e della sua riabilitazione.

Bisogna intervenire all’origine del problema e non sul disturbo di calcolo in sé, che da solo non darebbe risultati soddisfacenti. Infatti risulta possibile incappare in un “falso positivo“, ossia diagnosticare una discalculia quando in realtà si tratta di una semplice difficoltà nel calcolo, che, con un adeguato potenziamento, può facilmente evolvere fino ad ottenere risultati in norma con l’età.

Ascolta il podcast per saperne di più!

About Andrea Quartu

Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

giovani lavoro

Giovani: sì al lavoro, ma non troppo

Get Widget I giovani non sono o non saranno probabilmente degli “stakanovisti”: non hanno intenzione …