Janas
Enrico rava musica e luoghi: l’ intervista

Enrico rava musica e luoghi: l’ intervista

Enrico Rava è un musicista di musica jazz molto famoso in Italia e nel mondo: ha lavorato con tantissimi dei più grandi musicisti di tutti i tempi

Enrico Rava è un trombettistacompositorescrittore e flicornista italiano di musica jazz.

Si tratta di uno dei jazzisti italiani più noti internazionalmente, anche grazie ad una lunga attività oltreoceano. Le sue influenze principali nel campo del Jazz sono Miles Davis e Chet Baker. Ha al suo attivo più di novanta registrazioni delle quali una trentina da solista.

Enrico è nato a Trieste nel 1939 per caso, come ha raccontato egli stesso; di famiglia piemontese da generazioni, è cresciuto a Torino dove ha cominciato a suonare da autodidatta il trombone in bande dixieland. TrasferitosiRoma nei primi anni sessanta, ha avuto modo di collaborare con importanti musicisti, in particolare con Gato Barbieri e con Steve Lacy. Con il primo ha registrato nel 1965 la colonna sonora scritta da Piero Umiliani per il film di Giuliano Montaldo Una bella grinta. Con Steve Lacy ha suonato in un quartetto e si è trasferito in Argentina per qualche tempo, dove ha registrato nel 1966 The Forest and the Zoo, considerato uno dei dieci dischi essenziali del free jazz.

Collaborazioni

Da lì, nel 1967 si è trasferito a New York, dove ha vissuto e lavorato per una decina d’anni. Collabora fra gli altri con la Jazz Composer Orchestra e partecipando all’incisione dell’epocale disco Escalator over the Hill di Carla Bley. Ha collaborato con importanti musicisti come Lee KonitzPat MethenyMichel PetruccianiJohn AbercrombieJoe HendersonPaul MotianRichard GallianoMiroslav VitousJoe Lovano e Roswell Rudd.

Enrico Rava

Nel 1972 incide il suo primo album da leader di un quartetto, Il giro del giorno in 80 mondi. Con questa nuova formazione suona in vari club newyorkesi, in giro per l’Argentina e l’Europa riscuotendo molti consensi. In seguito ha registrato numerosissimi album con musicisti italiani, americani ed europeri. Fra questi il saxofonista Massimo Urbani, il pianista Stefano Bollani, il chitarrista John Abercrombie.

Nel 1975, partecipa, non accreditato per l’usanza dell’epoca, al primo disco di Giuni Russo: “Love is A Woman“.

Oggi

Attualmente è leader di un quintetto in cui figurano Gianluca Petrella al trombone, Roberto Gatto alla batteria, Rosario Bonaccorso al basso e Andrea Pozza (che ha sostituito Stefano Bollani) al pianoforte, con cui ha registrato vari dischi per la ECM.

Nel 2009 l’Auditorium Parco della Musica di Roma gli ha affidato la direzione del Jazz Lab con il quale ha realizzato alcuni progetti, quali Rava suona Gershwin e Rava on the dance floor, basato su musiche di Michael Jackson riarrangiate con Mauro Ottolini

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Stefano Conti

22 anni. Vive a Gonnosfanadiga. Studente di beni culturali presso l' università di Cagliari. Diplomato al liceo linguistico E. Piga di Villacidro nel 2017. Inizia li studi universitari nel 2017. Ama ascoltare musica, guardare serie tv, leggere, scrivere (ha pubblicato 7 delle sue poesie nella raccolta "Le tue parole 6" della casa editrice Pagine).

Controlla anche

Fresu Paolo e la liricità mediterranea: l’ intervista

Fresu Paolo e la liricità mediterranea: l’ intervista

Paolo Fresu, musicista sardo molto esperto, racconta la sua esperienza lunghissima nel mondo musicale, tra …