Alexa Unica Radio

Mauro Ottolini un africano mancato: intervista

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Mauro Ottolini un africano mancato: intervista
/

Mauro Ottolini è un musicista amante del jazz molto conosciuto e autore di moltissimi progetti: si dichiara un africano mancato

Il protagonista

Mauro Ottolini (Bussolengo14 aprile 1972) è un trombonistacompositore e direttore d’orchestra italiano di musica jazz.

Si diploma nel 1993 presso il conservatorio di Verona in trombone accompagnato dalla pianista Renza Tavernini. Segue i corsi di perfezionamento di Michel Becquet.

Dal 2002 collabora e partecipa con diverse formazioni musicali e musicisti Jazz. Tra i molti Frank LacyTrilok GurtuKenny WheelerHan BenninkCarla BleySteve SwallowTony ScottMaria Schneider e Gary Valente. Collabora anche con alcuni grandi nomi della black music come Grace JonesGino Vannelli, Emy Stewart, Joe Bowie.

Il suo primo progetto discografico è del 1998Otto Funk, in cui suona con un rapper, e si trasforma ed evolve diventando il suo primo cd Jazz Funk del 2005, dove virtuosismi e assoli fan da cornice a funk e acid jazz. In Ecologic Island invece si cominciano ad apprezzare le doti di arrangiatore e poli strumentista e In Slide Family del 2007 Ottolini è direttore di una formazione composta da undici tromboni, due batterie e un deejay esperienza che lo porta a formare l’ Ottovolante con cui, tra un cd e numerosi concerti, omaggia la musica italiana del varietà.

I Sousaphonix

Mauro Bottolini

Nel 2008 fonda il gruppo musicale Sousaphonix con cui inizia a studiare più a fondo la polifonia o sousafonia e, soprattutto, da un indirizzo al suo percorso da arrangiatore e direttore. La musica dei Sousaphonix utilizza numerosi strumenti musicali non convenzionali. Ad esempio nel cartone musicale Chubanga con conchiglie. Sassofono di bambù. Flauto shinobue. Le pietre sonore di Pinuccio Sciola e strumenti artigianali sardi. Con i Sousaphonix incide Sousaphonix del 2009 un album tra il blues, il reggae, le musiche della tradizione popolare italiana, Duke Ellington e le sperimentazioni sonore. Un anno più tardi esce The Sky Above Braddock tratto da un racconto di Mario Calabresi. Questo è il primo concept album del gruppo e la prima colonna sonora del cartone The Workman blues. Nell’edizione 2011 del Premio Videoclip Italiano vince nella categoria Miglior Montaggio.

Il progetto

Nel 2012 con il gruppo Sousaphonix dà vita al loro terzo progetto, un omaggio a Bix Beiderbacke e al jazz degli anni 20. Mauro Ottolini forma un sestetto per lavorare, in maniera filologica, ai brani meno famosi dove Beiderbacke appariva come membro dell’orchestra o come solista. Alcuni brani originali e il secondo movimento di Ebony Concert di Igor Stravinsky . La vera matrice del progetto è la musica dal vivo. Senza barriere o camere separate. Senza la possibilità di correggere eventuali errori, suonando strumenti tipici dell’ epoca e del genere come il banjo, il sousafono, e la cornetta.

Per il progetto Mauro Ottolini e Vanessa Tagliabue Yorke scrivono un breve romanzo di fantasia da cui ne nasce la musica per un film invisibile. Questo oi verrà prodotto come un cartone. Con il cd Bix Factor il mondo del Jazz italiano lo riconosce miglior musicista dell’ anno. I Sousaphonix sono al secondo posto tra i gruppi italiani. Il cd “Bix Factor” è stato votato al terzo posto tra le uscite discografiche dell’ anno.

About Stefano Conti

22 anni. Vive a Gonnosfanadiga. Studente di beni culturali presso l' università di Cagliari. Diplomato al liceo linguistico E. Piga di Villacidro nel 2017. Inizia li studi universitari nel 2017. Ama ascoltare musica, guardare serie tv, leggere, scrivere (ha pubblicato 7 delle sue poesie nella raccolta "Le tue parole 6" della casa editrice Pagine).

Controlla anche

Jazz

Jazz: vacanze a ritmo per i più piccoli con Paolo Fresu

Get Widget Un’immersione nel jazz per svelare a bambini e ragazzi le sue mille sonorità …