Unica Radio Skill Alexa
Cacao

Cacao: l’avanzata dal Nuovo Mondo all’Europa

Cortez venne a sapere che gli Aztechi, credendo che il cacao aumentasse la forza e la resistenza, esercitavano con esso i loro guerrieri.

Cacao: Cotez lo diede alle sue stesse truppe inducendo l’imperatore Carlo V di Spagna a notare una strana conseguenza. “Una tazza di questa bevanda preziosa permetteva a un uomo di camminare tutto il giorno senza la necessità di prendere qualsiasi altro tipo di cibo”.

Nella cambusa di tutti gli eserciti

Il cacao, alla fine, divenne un punto fermo nelle razioni delle forze armate in tutto il mondo e rimane tale fino ad oggi. In Messico, Cortez creò rapidamente le sue piantagioni di cacao per essere in grado di “coltivare denaro sugli alberi”. Intorno al 1529, portò i chicchi in Spagna e servì la bevanda con abbondanti quantità di zucchero per nascondere il suo sapore amaro.

Gli aristocratici spagnoli e il loro segreto

Presto, il cacao fu servito caldo fumante con l’aggiunta di cannella, vaniglia e canna da zucchero importate dalle colonie, diventando rapidamente popolari tra i circoli reali. Gli aristocratici spagnoli riuscirono a mantenere il loro segreto per circa 100 anni, durante i quali piantarono più alberi di cacao nelle loro colonie caraibiche e sudamericane.

Alla fine, l’uso del cacao si diffuse in tutta Europa. La Chiesa cattolica, persino, permise che fosse bevuta durante il digiuno e il cacao venne persino usato per scopi medicinali. Il nome originale, “cachuatal”, divenne noto con il suo nome moderno “choclat”, intorno al 1570. I coloni spagnoli lo adottarono da una combinazione della parola Maya “chocol” per “caldo” e una parola azteca “atl” che significa “acqua”.

L’antica ricetta del cacahuatl

Si dice che includesse farina di mais e peperoncino ma, purtroppo, è andata perduta nel tempo. Nel 1556, tuttavia, un avventuriero, noto agli studiosi come il Conquistatore Anonimo, pubblicò scritti che includevano quanto segue. “Questi semi vengono macinati e trasformati in polvere, e questa polvere viene messa in alcuni bacini e poi ci mettono dell’acqua e la mescolano con un cucchiaio.

E dopo averla mescolata molto bene, la cambiano da una vasca all’altra, in modo da sollevare una schiuma. E quando vogliono bere il tutto, lo mescolano con alcuni cucchiaini d’oro o d’argento o di legno, e lo bevono, e bevendolo bisogna aprire la bocca. Perché essendo schiuma bisogna darle spazio per andare giù un po’ per volta.

La cosa più sana

Questa bevanda è la cosa più sana e il più grande sostentamento di qualsiasi cosa tu possa bere al mondo, perché chi beve una tazza di questo liquido, non importa quanto lontano cammina, può andare un giorno intero senza mangiare nient’altro”. Il chicco di cacao è un bene prezioso da tempo immemorabile e continua ad esserlo. Ogni anno circa due milioni di tonnellate vengono scambiate sul mercato globale.

Rassegna Significante

About Francesca Dessì

Francesca Dessì
Ho 23 anni e una grande voglia di mettermi in gioco