Unica Radio Skill Alexa
palestra vuota in lockdown

Lo sport in piazza contro il nuovo DPCM: le voci dei gestori

I titolari di palestre, piscine e club sportivi non professionistici manifestano a Cagliari il 28 ottobre contro i nuovi provvedimenti restrittivi

Il mondo dello sport sardo non ci sta, e si mobilita, al fianco dei gestori dei locali pubblici, contro le decisioni prese nell’ultimo DPCM. Provvedimenti che comportano una nuova chiusura per palestre, piscine e attività sportive non professionistiche. Dopo aver passato una primavera estremamente difficile, i titolari di questi esercizi si ritrovano nell’incubo di non poter più lavorare e garantire il proprio servizio ai loro iscritti. In vista della manifestazione di domani mattina, mercoledì 28 ottobre, i titolari delle associazioni sportive interessate dalla nuova chiusura si sono organizzati per protestare contro questo ennesimo colpo nei loro confronti.

Ai nostri microfoni abbiamo le testimonianze di Fabio Medda, titolare di una palestra che fa corsi di ginnastica posturale e di breakdance a Villaputzu. Con lui, Matteo Cois, comproprietario con Fabio di un centro di ginnastica funzionale e bodybuilding a Quartu, oltre che essere anche gestore di una scuola di danza.

#vivodisport, manifestazione degli sportivi

Cosa ci raccontano

Sentiamo dalla loro voce quali sono stati i disagi a cui sono andati incontro durante il lockdown primaverile e a cui riandranno incontro con questo nuovo stop. Ci racconteranno anche delle difficoltà della riapertura, e le reazioni al nuovo DPCM dopo tutto questo periodo difficile.

Quello delle palestre e dei centri sportivi è un servizio che, paradossalmente, è risultato essere uno dei più a norma dal punto di vista del rispetto delle norme igieniche e delle misure di sicurezza anti-Covid. E soprattutto che garantisce il benessere fisico e l’assistenza di normodotati da una parte e persone con problemi fisici o handicap dall’altra. Infatti questo provvedimento andrà a colpire soprattutto coloro che hanno bisogno di esercizi fisici con l’aiuto necessario di un istruttore in presenza, per riabilitazioni o esercizi posturali. I titolari delle palestre denunciano inoltre un certo accanimento indiscriminato contro i loro esercizi. Essi infatti sono tacciati di essere tra i principali luoghi dove potenzialmente è possibile contrarre il virus.

Protesta degli sportivi a Viareggio
Proteste degli esercenti di club non professionistici a Viareggio

Raccontano del disagio degli utenti, dai signori anziani ai bambini delle scuole di danza, e delle loro difficoltà economiche. Anche se, nonostante ciò, in qualche caso ci si sia venuti incontro tra affittuari, gestori energetici e titolari di palestre. Cosa che comunque non cambia la disparità di trattamento rispetto ad altri lavori ritenuti più necessari.

La manifestazione di domani si svolgerà alle 10.30 a Cagliari sotto il palazzo regionale. Agli organizzatori preme voler sottolineare che si tratterà di una manifestazione apartitica e nel segno dell’uguaglianza, dell’unità e del rispetto delle norme anti-Covid. Vengono chiuse pertanto le porte a chiunque abbia pensato di voler provocare disagi durante la protesta.

Protesta degli sportivi a Roma
Striscione emblematico esposto alla manifestazione di Roma

Altre proteste di questa settimana:

Rassegna Significante

About Nicola Fois

Nicola Fois
Studente di Comunicazione. Appassionato di lingue, sport, musica e di tutta la letteratura riguardante questi temi

Controlla anche

Il Covid

Il Covid: primi studi sulle cellule del grasso

Le evidenze relative al fatto che il tessuto adiposo ha un ruolo importante per quanto …