Unica Radio Skill Alexa

L’Antico Gregori 1976 di Contini: premiato il vino da meditazione dell’anno

É L’Antico Gregori a riceve il premio da Gambero Rosso nella Giuda Vini d’Italia 2021

L’Antico Gregori 1976 della storica azienda di Cabras, Contini, è il vino da meditazione dell’anno per la Guida Vini d’Italia 2021. Il Gambero Rosso assegna il premio a una vernaccia di Oristano Doc.

Il vino

Si tratta di una cuvée delle migliori annate, un unicuum, invecchiato per ben oltre 40 anni in botti in castagno o in rovere. Un bianco secco, frutto della fatica contadina di tre generazioni della famiglia Contini. Una piccola produzione, 1898 bottiglie all’ anno, ma di grande qualità per questo vino prezioso, ambrato all’ aspetto visivo, complesso e persistente e con sentori di frutta secca, mandorle e nocciole tostate.

Con questo riconoscimento l’Antico Gregori 1976, che ha conquistato anche i tre bicchieri, arricchisce il palmares che vanta. Tra i tanti premi, la medaglia d’oro al Wine Hunter Award 2020 ed è stato il miglior vino dolce o da meditazione della Guida Oro I Vini di Veronelli 2020.

Non solo. “E’ stato citato da Hugh Johnson tra uno dei venti vini da bere prima di morire”, si legge nel sito dell’azienda vinicola.

Questo premio è motivo di grande orgoglio”,dichiara Andrea Balleri, brand ambassador. Contini è sempre stata legata alla Vernaccia e non ha mai smesso di produrla, di credere in questo vitigno antico e fortemente identitario per Cabras e per l’oristanese.

Attualmente ci sono circa 250 ettari coltivati con questo vitigno, in passato si arrivò a oltre tremila: non c’era ricorrenza – ricorda Balleri – in cui non si bevesse l’oro di Oristano”. La vernaccia Contini è apprezzata soprattutto in Inghilterra e Giappone ma vanta estimatori in tutto il mondo.

La cantina Contini

Prima Salvatore, poi Attilio, oggi Paolo e i nipoti Alessandro e Mauro: la cantina Contini è cresciuta e maturata come i vini e i successi che l’hanno resa grande, attraverso la passione e l’impegno di ben quattro generazioni. Per quasi 120 anni un unico filo conduttore, rappresentato dalla Vernaccia di Oristano, ha caratterizzato il lavoro dell’azienda Contini.

Poi, negli anni, la Vernaccia è stata affiancata da altre importanti produzioni: lo storico vitigno Nieddera, i tradizionali Vermentino e Cannonau, le sperimentazioni ben riuscite come il Karmis, gli Attilio e il biologico Mamaioa.

Oggi l’azienda produce una gamma completa di vini con la quale è presente in Italia e all’estero. Non smette di evolversi, sia nelle tecniche di vinificazione che nelle idee. E sarà per questo che i vini Contini resistono al tempo, perché sono vini che si amano e si ricordano per sempre.

Rassegna Significante

About Noemi Dessì

Noemi Dessì
Ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze della Comunicazione. Mi piace ascoltare musica,leggere, guardare film e serie TV.....ma sopratutto scrivere!

Controlla anche

Natale

Natale senza cenoni costa 5 miliardi

Il Natale senza pranzi e cenoni costa 5 miliardi che sono stati spesi lo scorso …