Unica Radio App
L’ infanticidio e gli aborti selettivi

L’infanticidio e gli aborti selettivi: la nostra analisi dettagliata

L’infanticidio e gli aborti selettivi: la nostra analisi dettagliata

 
Play/Pause Episode
00:00 / 8:59
Rewind 30 Seconds
1X

Le condizioni delle bambine e delle ragazze nel mondo preoccupano: ancora oggi la situazione è grave in particolar modo per la discriminazione femminile nelle nascite e per l’alto numero di aborti.

Nascere donna è ancora una disgrazia in molti paesi del mondo. Parliamo degli infanticidi e aborti selettivi, dove quando nasce un bambino maschio è ben accetto a differenza del contrario. Questo già all’inizio del XX secolo. Infatti, in passato la nascita delle neonate avrebbe portato la loro uccisione o l’abbandono.

La pratica riflette piuttosto tradizioni socio-economiche discriminatorie. Come il fatto che i soli figli maschi ereditano la proprietà e che solo loro possono prendersi cura dei genitori anziani o celebrare riti funebri, o portare il cognome di famiglia. Nel mentre le figlie possono essere una copiscua dote per sposarsi. Inoltre le donne che partoriscono figlie femmine possono essere rifiutate, divorziate, relegate ai margini della società.

In cina e in india, per esempio, non è facile trovare ragazze libere da sposare. Questo succede a causa dello squilibrio di genere. Gli uomini che vogliono sposarsi a volte ricorrono ai matrimoni lampo con spose transfrontaliere, ovvero donne migranti. Spesso non sanno parlare la lingua e subiscono forti pressioni dagli uomini per partorire solo figli maschi.

L’organizzazione mondiale della sanità, insieme ad altre associazioni come l’UNICEF, ha diffuso la prima dichiarazione politica delle Nazioni Unite nel 2011. Contenuta nel rapporto Preventing Gender-biased Sex Selection, dove in questo documento si chiarisce come gli Stati abbiano un obbligo ai sensi delle leggi sui diritti umani di rispettare e proteggere i diritti di ragazze e donne.

Questa battaglia è ancora oggi in atto, perché non si sono eliminate del tutto queste discriminazioni nei confronti delle bambine, in quanto si tratta di cultura orientale. Abbiamo dei dati che ci fanno riflettere! Anche in America si sono manifestate le disparità di genere.

Si tratta di un trend registrato sin dal 2011, secondo cui negli Stati Uniti inizia ad allargarsi il gap alla nascita tra maschi e femmine. La conclusione che ha tratto il ricercatore Nicholas Eberstadt è stata che alcune etnie dove sono presenti forme di infanticidio delle bambine o forme di aborto selettivo, tendono a esportare questa pratica in America. Per questo si è aperto un fronte anche negli Stati Uniti d’America.

Nel 2020, con la diffusione della pandemia da Covid-19 si sono giunte alcune ragioni di preoccupazione. In India e in Cina si sono accorti che il 95% delle mancate nascite femminili nel mondo sono pari a un milione e mezzo.

Rassegna Significante

About Alberta Cirillo

Alberta Cirillo
Ragazza del Sud Sardegna, iscritta all'università di Cagliari. Appassionata alla scrittura, giornalismo, radio, fotografia. Disponibilità mentale ad accogliere le novità e le idee altrui.

Controlla anche

Il welfare rosa del premio Woman Value Company

Il welfare rosa del premio Woman Value Company

La Fondazione Marisa Bellisario ha assegnato le «Mele d’Oro» della XXXII edizione del Premio Marisa …