Unica Radio Skill Alexa

Confido Sardegna: verso una comunità accogliente

Oggi alle 18:00 l’evento online, disponibile su Facebook, dell’azienda Confido. Questo, creato con l’obiettivo di rinnovare le buone prassi di accoglienza.

Confido è un progetto di innovazione sociale, nato in Sardegna, che ha l’obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza delle pratiche di adozione e affido su tutto il territorio italiano. L’obiettivo è quello di rinnovare le buone prassi dell’accoglienza. A tal fine è necessario un orientamento e una formazione delle future famiglie accoglienti per soddisfare le esigenze dei minori in attesa di affido e di adozione.

Interverranno:

  • Eugenio Lao Presidente del Forum delle Associazioni familiari Sardegna;
  • Marcella Griva, psicologa, psicoterapeuta e formatrice AiBi, Amici dei Bambini;
  • Stefania Russo, presidente della Cooperativa Sicomoro Onlus;
  • Laura Schirripa, Assistente Sociale dei Servizi sociali del comune di Cagliari;
  • Modera: Alessandro Cuboni, coordinatore per la Sardegna del progetto Confido.
evento adozione confido

I requisiti per l’adozione internazionale sono gli stessi che per l’adozione nazionale, e sono previsti dall’art. 6 della legge 184/83 (come modificata dalla legge 149/2001) che disciplina l’adozione e l’affidamento e che riteniamo utile riportare perché il suo contenuto interessa più di ogni altro le coppie. “L’adozione è permessa ai coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni, o che raggiungano tale periodo sommando alla durata del matrimonio il periodo di convivenza prematrimoniale, e tra i quali non sussista separazione personale neppure di fatto e che siano idonei ad educare, istruire ed in grado di mantenere i minori che intendano adottare.”

I requisiti per adottore:

  • essere coniugati al momento della presentazione della dichiarazione di disponibilità;
  • provare documentalmente o per testimonianza, ove il matrimonio sia stato contratto da meno di tre anni, la continua, stabile, perdurante convivenza antecedentemente alla celebrazione del matrimonio per un periodo almeno pari al complemento a 3 anni; 
  • non avere in corso nessun procedimento di separazione, nemmeno di fatto.

Infine, gli aspiranti genitori adottivi devono essere idonei ad educare ed istruire, e in grado di mantenere i minori che intendono adottare. Per questi ultimi requisiti non si può procedere con una semplice verifica formale; occorre una valutazione più complessa “nel merito”. Cioè nei contenuti e nelle modalità del rapporto di coppia. Questa viene espletata dai Tribunali per i minorenni e realizzata tramite i servizi socio-assistenziali degli Enti locali; anche in collaborazione con i servizi delle aziende sanitarie locali; e ciò perché l’interdisciplinarità è necessaria per un’osservazione corretta della relazione di coppia e della sua reale disponibilità ad accogliere un figlio, delle sue risorse a fronteggiare le eventuali difficoltà di inserimento.

Passaggi d'autore

About Andrea Quartu

Andrea Quartu
Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

multiculturalità

L’evento di Marina Family Friendly continua

Esperti dialogheranno on line sui risultati dell’iniziativa partita lo scorso anno a Cagliari per promuovere …