Unica Radio Skill Alexa
alimentazione

Cibo made in Italy: accordo Enpaia-Campus Bio-Medico

Cibo made in Italy: avviata la collaborazione tra la Fondazione Enpaia e l’Università Campus Bio-Medico di Roma.

La collaborazione è finalizzata a svolgere attività di ricerca e sviluppare didattiche utili alla formazione di studenti e laureati dell’Ateneo. Nonché di dipendenti e iscritti di Enpaia, anche attraverso l’organizzazione di programmi in linea con gli attuali scenari e le più importanti esigenze del settore dell’agricoltura.

Università Campus Bio-Medico

Presenti alla firma per l’Università Campus Bio-Medico di Roma il Rettore Raffaele Calabrò, la Preside della Facoltà di Scienze e Tecnologie per l’Uomo e per l’Ambiente, Laura De Gara e il Direttore Generale della Campus Bio-Medico Spa. Insieme al Presidente Giorgio Piazza e al Direttore Generale Roberto Diacetti.

“L’accordo tra Ucbm ed Enpaia è un passo in avanti importante per accrescere gli scambi di conoscenze. Ma non solo, anche di contatto tra mondo universitario e imprese agroalimentari” ha sottolineato il rettore Raffaele Calabrò “Vogliamo dare ai nostri studenti la possibilità di conoscere da vicino le realtà produttive del settore agroalimentare. Crediamo che solo un contatto diretto con le aziende possa dare un valore aggiunto alla loro esperienza.

Bioeconomia

D’altra parte è fondamentale che il mondo produttivo possa trovare nella ricerca universitaria un punto di riferimento su temi come la sostenibilità ambientale. La bioeconomia o la riduzione degli sprechi sono utili per innovare le produzioni e accrescere la qualità di un a risorsa unica”.

L’accordo si inserisce nell’ambito di un più ampio rapporto di partnership tra i due Enti. Il quale ha già portato alla sottoscrizione di un accordo per l’assistenza sanitaria con il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico a beneficio della Fondazione Enpaia.

Le imprese agricole 

Cibo made in Italy: per il presidente di Enpaia “L’accordo firmato con l’Università Campus Bio-Medico di Roma è molto importante e porterà rilevanti risvolti per l’agricoltura. Creare dei percorsi di scambio rappresenta per le imprese un vantaggio notevole.

Tale vantaggio sarebbe inoltre capace di generare ricchezza sul territorio. Sono certo che il rapporto con il Campus Bio-Medico avrà risultati positivi su tutto l’iter agricolo“. 

Rassegna Significante

About Francesca Dessì

Francesca Dessì
Ho 23 anni e una grande voglia di mettermi in gioco

Controlla anche

Come back home: quarantena ridotta per gli italiani

La Gran Bretagna riduce la quarantena per gli italiani

Dal 15 dicembre, il Regno Unito riduce la quarantena per coloro che entrano nel paese. …