Unica Radio Skill Alexa
Tre giorni di grande jazz chiudono a Castelsardo la ventesima edizione del festival Musica sulle Bocche

Tre giorni di grande jazz chiudono a Castelsardo la ventesima edizione del festival Musica sulle Bocche

Da venerdì 11 a domenica 13 settembre tre giorni di grande jazz chiuderanno a Castelsardo la ventesima edizione del festival internazionale Musica sulle Bocche organizzata dall’associazione Jana Project

festival jazz

Un’edizione itinerante che, partita da Alghero lo scorso 16 agosto, si è snodata per complessivi dieci appuntamenti che hanno toccato sette comuni del nord Sardegna. Castelsardo ora accoglie la tappa finale di Musica sulle Bocche, ospitando altri quattro attesissimi concerti. La prevendita è già iniziata on line sulla piattaforma https://dice.fm/bundle/musicasullebocche. In caso di maltempo i concerti saranno spostati in uno spazio al chiuso. Ogni eventuale comunicazione verrà diffusa via Facebook sulla pagina del festival. 

Festival Musica sulle Bocche: il programma dell’ultimo week-end

Venerdì 11 settembre

festival jazz

Il programma a Castelsardo prenderà il via venerdì 11 con il Simone Graziano Trio, che alle 21.30 nella Piazza del Novecentenario presenterà il suo ultimo lavoro “Snailspace” (ingresso 10 euro, ridotto 8). Simone Graziano è stato nominato nel 2018 tra i migliori dieci musicisti italiani nel Top Jazz della rivista Musica Jazz. Per realizzare questa idea musicale si è avvalso di una ritmica dal forte impatto composta da un musicista di punta della nuova scena italiana come Francesco Ponticelli al contrabbasso e synth assieme ad un vero astro nascente del batterismo made in Italy, Enrico Morello. Chiarezza di idee, riferimenti contemporanei, scrittura elegante e sofisticata sono gli ingredienti che caratterizzano Snailspace. Un gruppo nato recentemente ma che ha già all’attivo un lungo tour italiano che lo ha consacrato come uno dei progetti più innovativi della scena jazz nostrana. 

Sabato 12 settembre

festival jazz

Sabato 12 a salire alle 21.30 sul palco della Piazza del Novecentenario saranno Petra Magoni e Ferruccio Spinetti con il loro celeberrimo “Musica nuda”. Un progetto lungo diciassette anni ma che ancora continua ad incantare il pubblico di tutt’Europa (ingresso 20 euro, ridotto 18). Era infatti il 2003 quando la cantante e il contrabbassista, dopo un incontro casuale, furono capaci di dare vita al duo Musica Nuda. Un duo capace in tanti anni di intensa attività concertistica di collezionare riconoscimenti prestigiosi e vantando nel proprio palmarès la “Targa Tenco 2006” nella categoria interpreti, il premio per “Miglior Tour” al Mei di Faenza 2006 e “Les quatre clés de Télérama” in Francia nel 2007. Un appuntamento imperdibile nel cartellone di Musica sulle Bocche. 

Domenica 13 settembre doppio appuntamento

Il concerto all’alba

festival jazz

Domenica 13 settembre la giornata finale del festival si aprirà alle 6 del mattino agli Spalti Manganella con il tradizionale concerto all’alba che quest’anno vedrà protagonista il chitarrista Gavino Loche (ingresso gratuito). Nato in Sardegna, vincitore di numerosi concorsi chitarristici tra cui nel 2010 ”Miglior chitarrista emergente dell’anno” e “Concorso Italiano Chitarre” e “Arrangiatevi!” nel 2013. Loche è considerato uno dei maggiori esponenti della chitarra acustica moderna ed è da anni è protagonista di concerti e seminari in tutto il mondo. Chi assiste ad una performance di Gavino Loche ha la sensazione di ascoltare due chitarristi che suonano contemporaneamente. Per questo i suoi non sembrano concerti solisti, ma di un’intera band. In questo concerto-spettacolo, le invenzioni melodiche originali di Loche si alternano ad arrangiamenti per sola chitarra di brani che hanno fatto la storia del rock e della musica contemporanea.  

A chiudere la ventesima edizione di Musica sulle Bocche saranno Enzo Favata e The Crossing che, per questa occasione speciale, ospiteranno il trombettista Roy Paci

festival jazz
The Crossing & Roy Paci

Sul palco insieme all’artista siciliano e al musicista algherese (sax soprano, clarinetto basso, samples e live electronics), ci saranno anche Pasquale Mirra (vibrafono, marimba midi, live electronics e samples), Rosa Brunello (basso elettrico e live electronics) e Marco Frattini (batteria ed electronic pads). Appuntamento alle 21.30 nella Piazza del Novecentenario (ingresso 20 euro, ridotto 18). 

Roy Paci

Nato ad Augusta nel 1969, Roy Paci si è da subito affermato sia come cantautore che come trombettista di esuberante virtuosismo, con un curriculum davvero singolare per ricchezza e varietà di percorsi. Appena ventenne, intraprende una serie di viaggi di formazione che lo portano in Sud America, Canarie e Senegal. Tornato in Italia si fa notare nella scena alternativa, rivelando una particolare predilezione per il genere ska. Contemporaneamente, riscopre le proprie radici attraverso il progetto La Banda Ionica, con cui rivisita le marce funebri più popolari dell’Italia meridionale. Nei suoi progetti si evidenzia una spiccata tendenza al melting pot musicale: una convivenza di swing, rock, ska e ritmi caraibici, senza mai peraltro dimenticare la ricca tradizione siciliana. Ora l’incontro con Enzo Favata e The Crossing, per uno spettacolo che ha già riscosso un grande successo al festival Pescara Jazz. 

The Crossing

festival jazz
Foto di Luca Pretti

Il progetto musicale “The Crossing” spazia tra minimalismo, space rock, jazz contemporaneo, musica elettronica e world jazz. Combinati dal suono originale del sax soprano e del clarinetto basso di Enzo Favata, la forza stilistica di uno dei più grandi vibrafonisti europei come Pasquale Mirra, il sapore rock insieme allo  sperimentale gusto jazz del basso inconfondibile di Rosa Brunello e la magistrale batteria di Marco Frattini. La band ha già ha avuto grande successo nel 2019 nella sua tournée in Giappone, al Festival Jazz di Edimburgo e all’European Jazz Conference di Novara, per finire l’anno una lunga tournée in Sud America dove ha suonato in varie città del Brasile e al Festival Jazz di Montevideo. 

Info Festival Musica sulle Bocche

Anche in occasione dei concerti di Castelsardo verranno rispettate tutte le disposizioni anti Covid. Durante ogni concerto sarà obbligatorio l’utilizzo della mascherina, i posti a sedere garantiranno il distanziamento tra coloro che non sono congiunti, mentre l’igienizzazione delle mani verrà garantita all’ingresso della chiesa dall’organizzazione del festival. Ogni spettatore dovrà inoltre compilare e consegnare al botteghino un’autodichiarazione che attesta il proprio stato di salute. Il modulo sarà scaricabile sul sito del festival, al link www.musicasullebocche/covid. Si consiglia al pubblico di scaricarlo, compilarlo e portarlo già stampato, in modo da agevolare lo scorrimento della fila all’ingresso del concerto. Chi non avrà questa possibilità potrà comunque trovare il modulo cartaceo da compilare in loco.

Per ogni eventuale ulteriore informazione, si può chiamare il numero 350-1537377. Il festival Musica sulle Bocche, organizzato dall’associazione Jana Project con la direzione artistica di Enzo Favata, è sostenuto dall’assessorato alla Pubblica Istruzione e Spettacolo della Regione Sardegna, dalla Fondazione di Sardegna, dalla Camera di Commercio di Sassari e dai comuni che ospitano i concerti.   






Passaggi d'autore

About Isabella Elaine Alexandra Farigu

Isabella Elaine Alexandra Farigu
Nata in Germania da madre tedesca e padre italiano, sono arrivata in Sardegna all'età di tre anni. Subito dopo il diploma mi sono trasferita a Londra dove ho lavorato nel settore ristorativo per dieci anni. Svariate stagioni estive le ho passate lavorando a Ibiza, Barcellona, Amburgo.. Ho una grandissima passione per i viaggi, i libri e gli animali.

Controlla anche

Sardegna per il Kenya

Riso I Ferrari e OSVIC, con il riso donano il sorriso

L’azienda e l’associazione di volontariato, di Oristano, si attivano per aiutare chi è in difficoltà. …