Unica Radio App
SERRI, area archeologica di Santa Vittoria di Serri – record di presenze al sito archeologico
DCIM100MEDIADJI_0071.JPG

Serri: record di presenze per l’Area archeologica

Record di presenze al Santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri. In soli cinque mesi di apertura, 5000 visitatori hanno fatto ingresso nell’area archeologica.

In soli 5 mesi di apertura ci sono stati 5000 visitatori. Numeri che fanno recuperare la chiusura forzata durante il lockdown. Grande attenzione dei turisti è rivolta alle nuove scoperte fatte dagli archeologi in questi anni, ma anche ai servizi e al patrimonio ambientale.
Localizzato sul margine orientale della Giara di Serri, altopiano basaltico al confine tra la Trexenta e il Sarcidano; il santuario di Santa Vittoria rappresenta ad oggi uno dei siti più importanti della Sardegna. Importantissimo per la ricostruzione della protostoria dell’isola nell’età del Bronzo e del Ferro e per la conoscenza delle pratiche religiose delle popolazioni nuragiche. L’area conosce inoltre una continuità di frequentazione che perdura fino all’età altomedievale.

Il santuario

La scoperta del santuario risale al 1909, quando Antonio Taramelli diede inizio agli scavi archeologici nel sito che proseguirono a più riprese fino al 1931. Scavi che hanno portato alla luce la maggior parte delle strutture e degli edifici oggi noti e visibili; oltre a importanti reperti archeologici, molti dei quali attualmente esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari. Ulteriori interventi di scavo e restauro vennero condotti a partire dagli anni ‘60 dalla Soprintendenza Archeologica per le province di Sassari e Nuoro di Sassari, da Ercole Contu, da Fulvia Lo Schiavo e da Maria Ausilia Fadda.
Fino al 2021, il sito archeologico sarà interessato da in campagna di scavo finanziata dal Ministero, impegnata in queste settimane nel recinto delle feste e nell’area del tempio in antis.

Le iniziative del Comune di Serri

Il Comune di Serri ha aderito inoltre alle Giornate Europee del Patrimonio e organizza quattro iniziative. La presentazione del volume “Notizie & Scavi della Sardegna Nuragica” e del progetto Rigenerarte, progetto di rigenerazione urbana finanziato dalla Fondazione di Sardegna, durante la serata sarà inaugurato il virtual guestbook e ci sarà la premiazione dei vincitori del contest fotografico promosso dalla Società Cooperativa Acropoli Nuragica che gestisce l’area.

Dichiarazione dell’Amministratore delegato, Giorgio Angius:

“Dopo il buio del lockdown, siamo tanto soddisfati per questi mesi di lavoro”.

Dichiarazione del sindaco, Samuele Gaviano:

“L’attività di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale del territorio non si ferma: tante le iniziative già a partire dal prossimo weekend, alle quali si aggiungono diversi progetti infrastrutturali che vedranno la luce la prossima primavera”.

Rassegna Significante

About Isabella Elaine Alexandra Farigu

Isabella Elaine Alexandra Farigu
Nata in Germania da madre tedesca e padre italiano, sono arrivata in Sardegna all'età di tre anni. Subito dopo il diploma mi sono trasferita a Londra dove ho lavorato nel settore ristorativo per dieci anni. Svariate stagioni estive le ho passate lavorando a Ibiza, Barcellona, Amburgo.. Ho una grandissima passione per i viaggi, i libri e gli animali.

Controlla anche

dinamo sassari

Dinamo Sassari pronta per la partita con Varese

Dinamo pronta per la sfida con Varese dopo i tamponi negativi Dopo il caso di …