Unica Radio App
Venere

C’è forse vita sul pianeta Venere. La scoperta

Una visione globale della superficie di Venere centrata a 180 gradi di longitudine est. Le tonalità simulate si basano su immagini a colori registrate dai veicoli spaziali sovietici Venera 13 e 14.

Venere è l’oggetto più luminoso nel cielo notturno dopo la luna e ha incuriosito gli esseri umani per migliaia di anni. La scoperta del gas fosfina nell’atmosfera di Venere ha appena aumentato l’attrattiva del pianeta.

Ero un membro del gruppo di ricerca multinazionale che lunedì ha annunciato la scoperta in Nature Astronomy , e la mia conclusione è che indica che c’è qualcosa di molto insolito in corso per produrre fosfina: una chimica completamente sconosciuta o forse un qualche tipo di vita di tipo microbico. Ogni spiegazione, in qualche modo, sembra ugualmente folle.

La presenza del gas fosfina

La fosfina è un gas costituito da un atomo di fosforo e tre atomi di idrogeno. La fosfina è tossica per qualsiasi vita sulla Terra che utilizza l’ossigeno, compresi gli esseri umani. È stato utilizzato come agente di guerra chimica durante la prima guerra mondiale ed è associato solo all’industria umana (ad esempio i pesticidi) o alla vita in ambienti privi di ossigeno. La fosfina si trova proveniente da paludi e acquitrini e fanghi. Si trova anche nelle budella e negli escrementi degli animali, ad esempio in concentrazioni relativamente elevate sulle colonie di pinguini. La fosfina è stata misurata in laboratorio anche come proveniente da miscele complesse di batteri.La scoperta è così sorprendente perché la fosfina non dovrebbe essere presente nell’atmosfera di Venere. 

I pianeti ricchi di carbonio fatti di diamanti potrebbero esistere al di fuori del nostro sistema solare, afferma lo studio

La fosfina ha bisogno di molto idrogeno e delle giuste temperature e pressioni per formarsi, condizioni che si trovano su Giove e Saturno ma non su Venere. Il mio team al MIT ha cercato in modo esauriente tutta la chimica conosciuta e non ha trovato alcun modo per produrre facilmente il gas fosfina su Venere. Anche i processi planetari, inclusi vulcani, fulmini, meteoriti che entrano nell’atmosfera di Venere, sono “vietati” in quanto alcuni potrebbero produrre la minima quantità di fosfina, ma non abbastanza da corrispondere alle osservazioni.

I pianeti ricchi di carbonio fatti di diamanti potrebbero esistere al di fuori del nostro sistema solare, afferma lo studio.

Questo significa che Venere ha vita aliena nella sua atmosfera che produce gas fosfina? Non necessariamente.Venere è un luogo molto ostile per qualsiasi tipo di vita come lo conosciamo. La superficie è rovente, troppo calda per le molecole complesse necessarie per creare la vita. In alto sopra la superficie, l’atmosfera diventa sempre più fredda. Su Venere c’è un punto debole a 48-60 km (da 30 a 37 miglia) sopra la superficie di Venere, tra le nuvole, dove la temperatura non è né troppo calda né troppo fredda, ma giusta per la vita.Anche così, l’ambiente è duro. L’atmosfera, ad esempio, è 50 volte più secca dei luoghi più aridi della Terra. 

Le goccioline delle nuvole non sono fatte di acqua liquida ma di acido solforico concentrato. L’ambiente acido è miliardi di volte più acido degli ambienti più acidi sulla Terra. I componenti della vita terrestre, inclusi DNA, proteine ​​e amminoacidi, si distruggono immediatamente nell’acido solforico. Qualsiasi forma di vita nelle nuvole venusiane dovrebbe essere costituita da elementi costitutivi diversi dalla vita terrestre, o essere protetta all’interno di un guscio costituito da materiale resistente all’acido solforico come cera, grafite, zolfo o qualcos’altro.

Le persone hanno speculato sulla presenza della vita nelle nuvole di Venere per oltre 50 anni, a partire da Carl Sagan . Gli scienziati a volte sono riluttanti ad ammettere apertamente il loro interesse per un argomento così marginale.

Incontra OPTIMISM, il gemello del rover Perseverance sulla Terra

Incontra OPTIMISM, il gemello del rover Perseverance sulla Terra

Eppure il nostro team a capo Jane Greaves dell’Università di Cardiff nel Regno Unito ha deciso di proposito di cercare segni di vita su Venere attraverso il gas fosfina. Ha proposto di utilizzare il radiotelescopio James Clerk Maxwell (JCMT) su Mauna Kea alle Hawaii per osservare la fosfina a lunghezze d’onda radio. Per coincidenza, il mio team al MIT aveva anche lavorato sul gas fosfina come parte di un progetto più ampio cercando di capire quali gas sugli esopianeti – pianeti in orbita attorno a stelle diverse dal sole – potrebbero indicare la presenza di vita. Un contatto reciproco ci ha collegati.

Quando ho saputo per la prima volta della scoperta di Jane, semplicemente non ci credevo. Tuttavia, il mio team del MIT ha lavorato con il team di Jane su una proposta per utilizzare il più potente Atacama Large Millimeter Array (ALMA ). Quando i dati sono tornati indietro sono stati analizzati: il segnale della fosfina era ancora più forte di prima. Ero ancora così scioccato, così stupito, ma ora dovevamo accettare che la scoperta fosse reale. Abbiamo insistito diligentemente per supportare il nostro rilevamento, continuando a elaborare ed escludere processi chimici come fonte di fosfina e controllando due volte e tre volte che nessun altro gas potesse imitare la presenza del gas fosfina.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Super Mario

Super Mario: il film arriverà nel 2022

Nintendo annuncia ufficialmente che il 2022 sarà l’anno del film dedicato a Super Mario, nel …