Unica Radio App
Foto in abito tradizionale sardo, offese xenofobe su fb

Foto in abito tradizionale sardo, offese xenofobe su fb

Kary Khouma, dalla pelle nera, ha indossato l’abito tradizionale di Codrongianus per un set fotografico, suscitando commenti e offese xenofobe su facebook

Ha indossato l’abito tradizionale di Codrongianus, piccolo centro dell’hinterland di Sassari. Bellissima in quella cornice di broccati, monili e ricami. Ma quegli scatti su Facebook di Andrea Zucca Pais, proprietario dell’abito che l’ha immortalata nella pausa di un set fotografico dedicato a tutt’altro, hanno assunto una diffusione virale a furia di commenti tra l’anacronistico e lo xenofobo.

A suscitare clamore non è che lei abbia indossato l’abito di Cordonginaus pur venendo da un altro comune, dato che è di Olbia. Il fatto è che Kary Khouma, 21 anni, ha la pelle nera, come quell’abito portato con grazia ed eleganza. Tantissimi hanno apprezzato l’idea dell’autore, per il quale “in ogni cultura c’è un pò di noi tutti” e “l’abbigliamento tradizionale non comporta alcuna distinzione di colore, ma ne esalta la policromia“. Ma sono poi spuntati anche commenti a sfondo razzista. Da chi prevede la fine dell’Europa a causa dei neri, a chi teme che i bianchi prima o poi saranno costretti a un contro-esodo verso l’Africa. C’è anche chi sostiene che quella foto manchi di rispetto ai costumi, alle tradizioni e alla storia di Codrongianus.

La risposta di Kary

Lei ha provato pacatamente a replicare, ma ha subito deciso di lasciar stare. “I commenti su Facebook? Ignoranza“, liquida al telefono con l’ANSA. “Non mi scalfiscono, chi è fermo a questa visione non sa che sta parlando di una ragazza sarda. Una ragazza nata e cresciuta a Olbia, orgogliosa delle sue origini ma legata alla Sardegna, la sua terra“, dice mentre sorride per il clamore di una vicenda iniziata per gioco.

“Faccio la modella, ero sul set per altro. Il proprietario dell’abito mi ha chiesto di indossarlo e di potermi fotografare”, racconta. Kary Khouma è nata da genitori senegalesi trapiantati nell’isola da trent’anni, una coppia con quattro figli orgogliosamente isolani. “Sono più sarda che senegalese, credo che sia normale – spiega -. Non rinnego assolutamente le mie origini, ne sono fiera, ma qui sono nata e cresciuta e qui voglio vivere“.

Pensando al futuro, studia Scienze infermieristiche a Sassari. “Ho indossato più abiti sardi che senegalesi – scherza . Gli ignoranti se ne facciano una ragione“.

Rassegna Significante

About Roberta D'Aprile

Roberta D'Aprile
Nata e cresciuta a Cagliari. Da sempre amante del cinema, delle serie televisive, della fotografia e di qualsiasi forma d'arte, oggi sono una laureanda in Beni Culturali e Spettacolo con indirizzo Spettacolo. Nel tempo libero mi occupo di volontariato, nello specifico animalista.

Controlla anche

Museo Murats

MURATS Samugheo intervista ad Antonella Meloni

Per la seconda volta, nel breve arco di una settimana UNICA RADIO è al museo …