Unica Radio App
Tour in bici per raccontare Italia post lockdown

Tour in bici per raccontare Italia post lockdown

Ingegnere sardo, “il Paese sta bene: Italia tra frustrazione e rispetto delle norme” 

1a0d5f9b f5d9 4e9f 9666 38b81d7144c6 Tour in bici per raccontare Italia post lockdown

Concluso il tour dell’ingegnere sardo che ha girato l’Italia in bicicletta per documentare lo stato del Paese dopo il lockdown. Francesco Accardo è infatti tornato a Cagliari.

Il progetto “Tramonti”

Francesco Accardo, 30 anni, ingegnere trasportista, operatore culturale e direttore della Fondazione Siotto, ha compiuto il suo viaggio in bicicletta con un progetto chiamato Tramonti. Proprio oggi, alle 19, ha raccontato il progetto al THOTEL di Cagliari.

L’ultima tappa è stata la vetta d’Italia, in Valle Aurina (Alto Adige), segnando il finale di un percorso che in poco più di un mese lo ha visto attraversare 11 regioni, percorrendo più di duemila chilometri.

Le tappe del tour

Oltre 40 sono state le tappe di questo tour lungo poco più di un mese: da Palermo a Castel di Tusa, da Rocca Imperiale a Matera, e ancora L’Aquila, Gubbio, Urbino, Ravenna, Venezia, Mestre, Borca di Cadore, Brunico e infine Predoi.

La testimonianza del giovane ingegnere sardo

“La mia percezione – ha detto il giovane a fine tour, una volta a Cagliari – è che l‘Italia stia tutto sommato bene, anche se da un certo punto di vista è un po’ arrabbiata. Ho trovato un senso diffuso di frustrazione, principalmente per motivi economici, ma anche un grande rispetto per le regole e per tutte le norme“.
  

Impressioni e curiosità

  Un bel tour: “In tutto il Sud, fino all’Abruzzo, ci si ricorda di Federico II di Svevia. E il suo Castel del Monte è un luogo davvero unico al mondo che ho avuto il privilegio di vedere da solo. Per non parlare di città come Venezia e Roma. In quest’ultima ho avuto la fortuna di avere un cicerone d’eccezione, il prof. Gastone Breccia, volto di Rai Storia, che in una corsa di 12 km alle 5 del mattino mi ha mostrato angoli nascosti e spiegato aneddoti interessantissimi“.

“Mi ha sorpreso che la Sardegna sia l’unica regione d’Italia con l’obbligo di registrarsi per entrare. Allo stato di fatto nessuno mi ha però chiesto alcun tipo di documentazione. E questo mi ha fatto sorridere. Ambientalmente dovremmo prendere esempio dall’Alto Adige, che ha puntato tantissimo sul trasporto pubblico e sul treno, incentivandolo soprattutto per i turisti“.

Rassegna Significante

About Laura Sotgiu

Laura Sotgiu
A Ottobre 2016 mi sono iscritta alla facoltà di beni culturali e spettacolo di Cagliari. Ho tantissime passioni e l’unico modo che vedo possibile per conciliarle tutte è l’arte. La mia convinzione, infatti, è che attraverso l'arte si possa esprimere qualsiasi cosa. Amo disegnare fin da piccola. Da alcuni anni a questa parte mi sto dedicando alla rappresentazione di mie idee originali. Nel tempo libero mi piace suonare, cantare e scrivere. Scrivo canzoni, poesie, racconti brevi e i miei sogni notturni (ho diversi quadernini pieni di sogni). Suono diversi strumenti, principalmente la tastiera (sono autodidatta) e ho fatto parte di una band rock. Quando ne ho la possibilità studio canto moderno. A Ottobre 2016 ho iniziato a frequentare un corso di teatro. Ho lavorato su diversi set cinematografici.

Controlla anche

fac cagliari

FAC 2020: il Festival dell’Architettura a Cagliari

Doppio appuntamento per il FAC Festival dell’Architettura a Cagliari. Il 22 settembre la discussione “Cagliari …