Unica Radio App
Francesco Montanari

Notti a monte Sirai,parte la XII edizione della manifestazione

Più forte della paura del virus è stata la volontà di far andare in scena anche la XII edizione di Notti a Monte Sirai. La manifestazione sulcitana, che accende da oltre due lustri di luci, musica e magia il parco archeologico di Carbonia, quest’anno si terrà in forma ridotta: tre spettacoli e un pubblico contingentato nel rispetto delle misure di prevenzione anti Covid 19.

BandaOsiris 1 Notti a monte Sirai,parte la XII edizione della  manifestazione

“Ma proprio questo ulteriore sforzo, in balia delle enormi difficoltà che ci ha portato il 2020 per realizzare Notti a Monte Sirai, rende la XII edizione ancora più bella e importante per il territorio”. A dirlo è l’assessora della Cultura, Spettacolo e Turismo del Comune di Carbonia, Sabrina Sabiu. ” La manifestazione è molto amata e attesa, e dunque abbiamo compiuto tutti un enorme lavoro per poterci essere. Non abbiamo indetto conferenza stampa, abbiamo ridotto il numero degli spettacoli e del pubblico che potrà assistere, ma in ogni caso ci saremo. E questo è un segnale forte e di attenzione che abbiamo voluto dare al mondo della cultura, dello spettacolo e dei beni culturali che è in grande sofferenza”.

Notti a Monte Sirai 2020.

L’evento è promosso dal Comune di Carbonia, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica e il sostegno della Fondazione di Sardegna e della Regione. Organizzato dall’Associazione Enti Locali per le attività culturali e di spettacolo, la manifestazione ha in calendario tre appuntamenti, previsti per la notte di domenica 2 agosto con Banda Osiris in 40 anni suonati. A seguire, il 21 agosto, lo spettacolo di Lella Costa: La vedava Socrate. Chiude la kermesse sabato 29 agosto, con Il processo a Shylock, l’attore Francesco Montanari.

Gli spettacoli, sotto le stelle del Sulcis


L’inaugurazione è prevista per domenica 2 agosto alle ore 21.30, con BANDA OSIRIS in 40 anni suonati. In questo nuovo spettacolo, il furore dissacratore della Banda Osiris si concentra sul mestiere del musicista. Attraverso l’abilità mimica, strumentale e canora che li contraddistingue, i quattro protagonisti si divertono con ironia a elargire provocatori consigli: dal perché è meglio evitare di diventare musicisti a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica, fino ai metodi su come eliminare i musicisti più insopportabili. La Banda Osiris tratteggia il ritratto impietoso della figura del musicista: presuntuoso, permaloso, sfortunato, odiato, e molto raramente amato.

Lella Costa, venerdì 21 agosto ore 21.30. Un passaggio di testimone epocale: Lella Costa raccoglie invito di Franca Valeri, grande matriarca del teatro italiano a interpretare La vedova Socrate, il testo da lei scritto e interpretato la prima volta nel 2003. Un concentrato di ironia corrosiva e analisi sociale, rivendicazione disincantata e narrazione caustica. Liberamente ispirato a La morte di Socrate dello scrittore svizzero Friedrich Durenmatt, nato a seguito dell’intuizione di Giuseppe Patroni Griffi che glielo suggerì, il monologo è ambientato nella bottega di antiquariato e oggettistica di Santippe, la moglie del filosofo tramandata dagli storici come una delle donne più insopportabili dell’antichità. Durante lo spettacolo si cerca di sfatare proprio la leggenda che Santippe fosse solo una bisbetica, e si regala un nuovo profilo socio-culturale alla donna.

Francesco Montanari

Chiude la rassegna di Notti a Monte Sirai una rappresentazione difficile e misteriosa: il Processo a Shylock.  Il testo, a cura di Bianca Melesecchi, analizza il rapporto tra uomo e denaro. Quando si traffica con i soldi spesso si dimentica che si sta toccando la carne degli uomini, i loro corpi e i loro destini. Anche amori, affetti, passioni in questa storia si traducono in denaro, oro, gioielli. Il mondo concreto di Venezia si contrappone al mondo mitico di Belmonte, ma i problemi degli uomini e delle donne che li abitano sono gli stessi: la malinconia d’amore, il denaro che non basta a riempire la vita, il dilemma della scelta del proprio destino, la ricerca disperante di un equilibrio impossibile e di un’indefinibile felicità.

 
Rassegna Significante

About Isabella Cau

Isabella Cau
Ho ripreso l'Università nel 2017 dopo diverse esperienze lavorative. Studiando ho avuto modo di aprire nuovi orizzonti e ho riscoperto l'amore per i viaggi. Negli ultimi anni ho viaggiato tantissimo, ho girato circa 10 città diverse. Adoro Firenze e vado almeno una volta l'anno, è il mio posto felice. Amo i gatti, non potrei vivere senza di loro.

Controlla anche

Grazia Deledda

Le donne di Grazia Deledda

Le donne di Grazia Deledda: in scena il 22 agosto all’Anfiteatro Comunale di Galtellì Il …