Unica Radio App
statistiche

Sardegna, 60mila posti lavoro persi nel lockdown

Fase 3: “in Sardegna 60mila posti lavoro persi nel lockdown”

statistiche

Fase 3: in Sardegna 60mila posti lavoro persi nella quarantena. Lockdown da ko per la Sardegna. L’impatto sul mondo del lavoro calcolato sulla base di una settimana di chiusura. I dati: 807 milioni e 2,6% di Pil in meno con 491 euro di ricchezza pro capite che se ne va.

Una perdita di retribuzione per il lavoro sardo di 25 milioni di euro. Mancano inoltre all’appello, rispetto all’anno scorso, circa sessantamila posti di lavoro: alberghi e ristoranti i più colpiti. Alcuni dei risultati di un’analisi, “L’economia ai tempi del Covid” del centro studi Uil Sardegna. Risultati presentati dalla segretaria regionale Francesca Ticca e dal responsabile Uiltucs Cristiano Ardau.

Questi dati rappresentano uno scorcio della situazione attuale per il lavoro. Presenti però una serie di proposte per uscire dal tunnel. Con un invito – precisa la Uil – a una semplificazione sugli ammortizzatori sociali “dando certezza sui pagamenti con tempi ridotti di erogazione”.

Un altro grido d’aiuto verso lo snellimento e accorciamento di tutte le procedure amministrative. Tempi ridotti di erogazione delle provvidenze previste dai Decreti “Cura Italia” e “Rilancia Italia“.

Si potrebbe agire” favorendo il sistema dell’autocertificazione, con controlli ex post sulle pratiche e inasprimento delle pene in caso di dichiarazioni mendaci o assenza dei requisiti di accesso”.

In generale – attacca il sindacato – “serve assumere scelte radicali in discontinuità con il passato sul campo del lavoro, con particolare riguardo per i settori strategici; valore aggiunto, numero di occupati, apporto positivo ai conti correnti dello stato e saldo della bilancia tra import ed export, i fattori da tenere in considerazione”.

Gli interventi – insiste la Uil – dovranno sempre preservare un rientro nel medio periodo dei valori del rapporto tra debito pubblico e Pil ma senza sottovalutare gli effetti economici e sociali complessivi della recessione

Rassegna Significante

About Sara Defraia

Sara Defraia
Iscritta al corso di Laurea in Lingue e culture per la mediazione linguistica. Le mie passioni sono la musica, la danza e l'arte. Suono uno strumento: la chitarra acustica. Nel tempo libero mi piace disegnare e dipingere.

Controlla anche

matex

Matex: in Sardegna nasce la televisione di pubblica utilità

Si arricchisce la comunicazione in Sardegna: il 1 ottobre nascerà ufficialmente MATEX, una televisione di …