Unica Radio App
tartaruga nella rete
In this image released Monday Feb. 13, 2017, by World Press Photo titled "Caretta Caretta Trapped" by photographer Francis Perez, which won first prize in the Nature, Singles, category of the World Press Photo contest shows a sea turtle entangled in a fishing net swims off the coast of Tenerife, Canary Islands, Spain, on June 8, 2016. Sea turtles are considered a vulnerable species by the International Union for Conservation of Nature. Unattended fishing gear is responsible for many sea turtle deaths (Francis Perez/World Press Photo via AP)

Rara Tartaruga verde recuperata nel golfo di Oristano

Una tartaruga verde è stata recuperata nelle acque dell’ oristanese e ora si trova sotto le cure del Cres

Un raro esemplare di Tartaruga verde (Chelonia mydas) rimasto impigliato in una rete ha vista la salvezza nella zona sud del golfo di Oristano. L’animale, catturato accidentalmente da un pescatore professionista. Il pescatore aveva calato le proprie reti e l’ ha consegnata ai soci della cooperativa Sant’Andrea che hanno informato gli operatori del Cres, il centro di recupero del Sinis. Grande la sorpresa dei biologi quando hanno scoperto che non si trattava di una Caretta Caretta, ma di una Tartaruga verde.

Sotto la protezione del Cres

L’esemplare, con una lunghezza di 48 centimetri di carapace e un peso di 16 chili, è stato portato alla clinica veterinaria “Due mari” di Oristano. Dagli accertamenti sanitari non sono emerse particolari ferite. La Tac ha individuato la presenza di materiale nel tratto digerente ma non ha evidenziato particolari anomalie ai polmoni. La tartaruga sarà mantenuta sotto stretto controllo in una vasca al Cres. Sarà monitorato il suo assetto, il comportamento in immersione e soprattutto l’eventuale espulsione di plastica.

Come è arrivata secondo il Cres

“Si tratterebbe di informazioni particolarmente interessanti su una specie rara per quest’area che contribuirebbero ad aggiungere elementi sull’ecologia comportamentale di questa tartaruga a livello Mediterraneo. La Chelonia mydas nidifica soprattutto lungo le coste del mediterraneo orientale. Questo individuo si è spinto fino in Sardegna probabilmente alla ricerca di cibo. Possiamo ipotizzare che la presenza di questa specie sia imputabile sia al crescente fenomeno del Global Warming o addirittura favorita dal lockdown”.

Rassegna Significante

About Angela Farris

Angela Farris
Sono Angela Farris, nata a Nuoro, diplomata nel 2015 presso l'istituto tecnico L.Oggiano di Siniscola e attualmente sono laureanda in beni Culturali e Spettacolo

Controlla anche

Sistema portuale: Mare di Sardegna il più efficiente d’Italia

 L’Autorità del sistema portuale del Mare di Sardegna in cima alla classifica per efficienza. Il …