Unica Radio App
scuola paritaria alunni in aula

Scuole paritarie, molte a rischio chiusura

Appello alla Regione anche per le famiglie in difficoltà

Allarme delle scuole paritarie sarde, a causa degli effetti dell’emergenza coronavirus, il 40% rischia la chiusura.

“Crediamo che riaccendere i motori della scuola pubblica paritaria italiana – affermano Cism ( Conferenza italiana superiori maggiori) e Usmi ( Unioni superiori maggiori) – , sarà un forte segnale di ripresa della vita sociale e produttiva del nostro Paese”.

I rappresentanti delle varie scuole hanno definito un primo documento per evitare la chiusura di molti istituti

“Nei giorni scorsi, nel corso di una riunione hanno definito un primo documento per chiedere un contributo straordinario alla Regione, necessario – spiegano i rappresentanti degli istituti coinvolti-, per scongiurare lo stop”.    

Allo stesso tempo hanno condiviso l’obiettivo di proporre all’assessore regionale alla Cultura Andrea Biancareddu, un piano di aiuti per le famiglie in difficoltà che non riescono a pagare più le rette.

“Le scuole paritarie della Sardegna- come ricorda una nota,-,intendono proseguire questo percorso e chiedono che sia preso in considerazione il danno sociale e l’impoverimento culturale che deriverebbero dalla chiusura di tanti istituti, oltre alla scomparsa dell’effettivo esercizio della libertà educativa per le famiglie”.

I rappresentanti dei vari istituti si sono attivati affinché le scuole rimangano aperte e le famiglie in difficoltà possano continuare a garantire ai propri figli il diritto allo studio per la loro formazione e per un domani.

Rassegna Significante

About Isabella Murgia

Isabella Murgia
Isabella Murgia nata a Sassari, ma vivo a Cagliari dalla quinta elementare. Diploma di Liceo scientifico, laurea triennale in filosofia. Passione per il giornalismo e l'informazione.

Controlla anche

Aeroporto di Cagliari Elmas

Regioni: Da oggi confini regionali aperti

Riaprono le regioni ma il virus non è sconfitto, contagi in aumento Dalla mezzanotte sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *