Unica Radio App
messe chiesa

I fedeli tornano in chiesa: le nuove regole per seguire le messe

Dal 18 maggio le funzioni religiose ripartono in sicurezza secondo le norme definite nel protocollo firmato dalla Cei e dal governo

In tempo di pandemia anche la Chiesa è stata costretta a riorganizzarsi: porte chiuse, banchi vuoti e videocamere accese per la diretta streaming delle celebrazioni liturgiche. Ma da lunedì 18 maggio, dopo oltre due mesi di distanziamento sociale, vescovi e parroci potranno riaprire le messe ai fedeli dando il via alla nuova fase. La prima celebrazione domenicale cadrà il 24 maggio, giorno dell’Ascensione.

Per garantire il rispetto delle misure anti-contagio all’interno delle chiese, sono state stabilite alcune regole ferree da seguire. L’accordo tra Cei (Conferenza Episcopale Italiana), governo e comitato tecnico-scientifico per la ripresa delle messe “in presenza” è arrivato giovedì 7 maggio a Palazzo Chigi.

Il protocollo firmato indica tutte le misure da ottemperare per il contenimento dell’emergenza epidemiologica: dall’accesso ai luoghi di culto alla loro igienizzazione, dalle attenzioni da osservare durante le celebrazioni alla comunicazione da predisporre per i fedeli.

Le regole da rispettare

Gli ingressi in chiesa saranno contingentati per evitare assembramenti: i sacerdoti individueranno la capienza massima tenendo conto della distanza minima di sicurezza, che deve essere pari ad almeno un metro laterale e frontale. Nel caso in cui la partecipazione dei fedeli dovesse superare il numero di presenze consentite, si prenderà in considerazione l’ipotesi di incrementare il numero delle messe.

I fedeli saranno obbligati a indossare le mascherine. Non sarà consentito accedere ai luoghi di culto qualora si dovessero presentare sintomi influenzali/respiratori o una temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C. Per favorire un flusso ordinato di persone rispettando il distanziamento sociale, vi saranno porte distinte per l’accesso e l’uscita. In prossimità degli ingressi verranno resi disponibili i liquidi igienizzanti. Le acquasantiere resteranno vuote.

Per quanto riguarda i riti liturgici, sarà vietato lo scambio del segno della pace. La comunione verrà distribuita dopo l’avvenuta igienizzazione delle mani del celebrante. Durante il rito il sacerdote dovrà indossare mascherina e guanti, evitando il contatto fisico nella consegna dell’ostia. I fedeli in fila saranno invece tenuti a rispettare la distanza sanitaria di un metro e mezzo. Le eventuali offerte verranno raccolte esclusivamente attraverso appositi contenitori situati in luoghi idonei.

Per quanto concerne la sanificazione delle chiese, il protocollo prevede una regolare disinfezione delle superfici e degli oggetti al termine di ogni celebrazione. Sarà favorito inoltre un costante ricambio dell’aria.

Rassegna Significante

About Simone Cadoni

Simone Cadoni
Classe 1993. Giornalista pubblicista, ha conseguito la laurea in Lingue e Comunicazione e un master in Giornalismo. Dai tempi dell'università collabora con Unica Radio, per cui si occupa della produzione di articoli e interviste.

Controlla anche

Dpcm

Dpcm: protesta nuotatori Sardegna, flash mob in vasche vuote

Allarme della Federazione nuoto. Una mobilitazione nei giorni delle proteste andate in scena a Cagliari …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *