su questo sito web
Unica Radio App
Banco di Sardegna Viale bonaria

Banco di Sardegna, il tricolore illumina le Sedi principali

Banco di Sardegna, il tricolore illumina le sedi isolane di Cagliari, Nuoro, Olbia, Oristano e Sassari

Dopo il tramonto, le facciate delle principali sedi isolane di Cagliari, Nuoro, Olbia, Oristano e Sassari, e di quelle peninsulari di Genova e Roma, si illuminano con i colori della bandiera italiana per abbracciare tutti i cittadini e per contribuire a dare loro un segnale di grande unità, forza e vicinanza.

BDS Roma Via Boncompagni Banco di Sardegna, il tricolore illumina le Sedi principali

Tricolore per i monumenti sardi nella lotta al Coronavirus.

Questo difficile momento per il nostro Paese impegnato nella guerra al Coronavirus, mentre anche molti sardi hanno appeso ai balconi il tricolore, l’iniziativa – attuata da molte altre città italiane – vuole essere un’occasione per ritrovare un sentire comune attorno alla bandiera nazionale.

Una spinta positiva trova le migliori energie quando si deve affrontare una grande prova. La bandiera italiana viene sancita dalla nostra Costituzione all’articolo 12. “La bandiera della Repubblica è il Tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni”.

BDS Olbia Corso Umberto Banco di Sardegna, il tricolore illumina le Sedi principali

Il Tricolore è il simbolo dellItalia nel mondo e rappresenta la nostra identità nazionale.

Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti”. Ma perché proprio questi tre colori? Nell’Italia del 1796, attraversata dalle vittoriose armate napoleoniche, le numerose repubbliche di ispirazione giacobina che avevano soppiantato gli antichi Stati assoluti adottarono quasi tutte, con varianti di colore, bandiere caratterizzate da tre fasce di uguali dimensioni, chiaramente ispirate al modello francese del 1790.

E anche i reparti militari “italiani”, costituiti all’epoca per affiancare l’esercito di Bonaparte, ebbero stendardi che riproponevano la medesima foggia. In particolare, i vessilli reggimentali della Legione Lombarda presentavano, appunto, i colori bianco, rosso e verde, fortemente radicati nel patrimonio collettivo di quella regione:: il bianco e il rosso, infatti, comparivano nell’antichissimo stemma comunale di Milano (croce rossa su campo bianco), mentre verdi erano, fin dal 1782, le uniformi della Guardia civica milanese. Gli stessi colori, poi, furono adottati anche negli stendardi della Legione Italiana, che raccoglieva i soldati delle terre dell’Emilia e della Romagna, e fu probabilmente questo il motivo che spinse la Repubblica Cispadana a confermarli nella propria bandiera. Al centro della fascia bianca, lo stemma della Repubblica, un turcasso contenente quattro frecce, circondato da un serto di alloro e ornato da un trofeo di armi.

Rassegna Significante

About Markitto

Markitto
Marco Melis, in arte Markitto, nato a Cagliari il 4 maggio 1992. Studente di Beni culturali e spettacolo. Dj a 360 gradi da più di dieci anni, con un unico amore, passione e stile di vita: la Musica.

Controlla anche

A Cagliari,dal 17 agosto,l'Al Ard  Film  Festival

A Cagliari,dal 17 agosto,l’Al Ard Film Festival

Presentata a Cagliari la diciassettesima edizione di “Al Ard DOC Film Festival” Le restrizioni dovute …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *