su questo sito web
Unica Radio App
progetto aloe

Progetto ALOE: piante officinali, cosmesi e rimedi naturali

Ecco i nuovi percorsi di integrazione per i migranti in Sardegna: nel centro accoglienza di Jerzu, studenti e donne migranti dell’Ogliastra hanno lavorato insieme in alcuni progetti incentrati sulla medicina naturale e la cosmesi

Una guida sulle piante officinali della Sardegna e nei paesi del Mediterraneo e il loro uso nella medicina naturale. La creazione di un orto sinergico realizzato da un gruppo di migranti ospite nel centro di accoglienza di Jerzu. E, infine, laboratori didattici sulla cosmesi e i rimedi naturali che hanno coinvolto studenti e donne migranti dell’Ogliastra e di Cagliari. Sono questi i risultati raggiunti dal progetto “ALOE – Cosmesi e rimedi naturali della tradizione mediterranea”, promosso dal Centro Italo Arabo Sardegna con il contributo della Fondazione di Sardegna che, nei 5 mesi di realizzazione, ha contribuito al percorso di integrazione e sviluppo di fasce deboli a rischio emarginazione, come le comunità di migranti ospiti nel territorio sardo.

L’obiettivo delle azioni portate avanti dal Centro Italo Arabo è stata la creazione di un percorso condiviso che sostenga l’integrazione dei migranti. In particolare delle donne, partendo dalla condivisione di antichi saperi e metodi della tradizione officinale delle due aree del Mediterraneo (Sardegna e paesi del nord Africa). Contribuendo alla reciproca comprensione a partire da quei popoli che condividono le stesse radici mediterranee.  

I beneficiari (migranti) e la comunità sarda (studenti) si sono confrontati per uno scambio di saperi a partire dalle loro tradizioni. Ciò ha contribuito alla comprensione reciproca e a una proficua interazione.

Le attività del progetto

Nel corso del progetto sono state svolte, tra le altre, queste attività:

1)      Analisi e raccolta di antichi saperi sulla medicina e cosmesi naturale;

2)      Pubblicazione di un opuscolo sulle piante officinali della Sardegna e del Mediterraneo e il loro uso nella medicina naturale, con rimandi al passato. Per questo motivo gli anziani di alcuni paesi della Sardegna (Tortolì, Jerzu, Villagrande Strisaili, Lanusei e Ussassai) hanno condiviso le loro conoscenze;

3)      Attività formativa. Laboratori pratici di cosmesi naturale con 15 studenti di un Istituto Agrario;

4)      Costruzione di un orto sinergico per produrre piante officinali presso la sede del centro di accoglienza Sa Canna a Jerzu. 8 migranti e 8 studenti delle scuole sarde hanno quindi preso parte ai lavori. E così hanno piantato circa 200 piantine tra rosmarino, salvia, menta, camomilla, mirto, biancospino, timo, lentisco e lavanda. 

Rassegna Significante

About Edoardo Pinna

Edoardo Pinna
Studente di Mediazione Linguistica presso l'Università degli Studi di Cagliari

Controlla anche

Amnesty

Compleanno di Amnesty International con trenta artisti

‘Voci per la libertà’ festeggia il compleanno di Amnesty International. Appuntamento stasera alle ore 21 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *