Unica Radio App
cattedrale di cagliari

28 aprile messa in sardo nella cattedrale per Sa Die

Nella cattedrale di Cagliari si celebra la messa in sardo in occasione de Sa Die De Sa Sardigna.

Il 28 aprile, in occasione di SA DIE DE SA SARDIGNA, alle ore 10, presso la Cattedrale Santa Maria di Cagliari, sarà celebrata la messa in lingua sarda.   Il celebrante sarà Mons. Gianfranco Zuncheddu.  

L’evento, che si svolgerà in forma privata in ottemperanza alle normative inerenti COVID-19, è stato reso possibile grazie alla disponibilità dell’Arcivescovo di Cagliari Mons. Giuseppe Baturi, che ha concesso di celebrare la Messa nella Cattedrale S. Maria, all’impegno del Canonico della Cattedrale don Alberto Pala e alla collaborazione di Mons. Zuncheddu, da sempre attento ai temi inerenti l’uso della lingua sarda in Liturgia.  

La celebrazione sarà accompagnata dalle launeddas di Michele Deiana. L’animazione liturgica sarà effettuata dai canti accompagnati all’organo da Francesco Mura.   La produzione televisiva è a cura di Ejatv, Produzioni Sardegna, Associazione Culturale Babel. Coordinamento a cura di Ottavio Nieddu, Tore Cubeddu, Paolo Carboni.

La storia: il 28 aprile 1794

Sa die de sa Sardigna è la festa del popolo sardo che ricorda i cosiddetti “Vespri Sardi”, cioè l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con il quale si allontanarono da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola titolare del Regno di Sardegna.
Sa die de sa Sardigna è la festa del popolo sardo che ricorda i cosiddetti “Vespri Sardi”, cioè l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con il quale si allontanarono da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola titolare del Regno di Sardegna.

I Sardi chiedevano che venisse loro riservata una parte degli impieghi civili e militari e una maggiore autonomia rispetto alle decisioni della classe dirigente locale. Il governo piemontese rifiutò di accogliere qualsiasi richiesta, perciò la borghesia cittadina con l’aiuto del resto della popolazione scatenò il moto insurrezionale.

Il movimento di ribellione era iniziato già negli anni Ottanta del Settecento ed era proseguito negli anni Novanta toccando tutta l’isola. Le ragioni erano di ordine politico ed economico insieme.

Il motivo del malcontento popolare era dovuto anche al fatto che la Sardegna era stata coinvolta nella guerra della Francia rivoluzionaria contro gli stati europei e dunque contro il Piemonte. Nel 1793 una flotta francese aveva tentato di impadronirsi dell’isola, sbarcando a Carloforte e insistendo successivamente anche a Cagliari. I Sardi però opposero resistenza con ogni mezzo, in difesa della loro terra e dei Piemontesi che dominavano allora in Sardegna. Questa resistenza ai Francesi aveva entusiasmato gli animi, perciò ci si aspettava un riconoscimento ed una ricompensa dal governo sabaudo per la fedeltà dimostrata alla Corona.

La scintilla che fece esplodere la contestazione fu l’arresto ordinato dal viceré di due capi del partito patriottico, gli avvocati cagliaritani Vincenzo Cabras ed Efisio Pintor. Siamo appunto al 28 aprile del 1794: la popolazione inferocita decise di allontanare dalla città il viceré Balbiano e tutti i Piemontesi, che nel mese di maggio di quell’anno furono imbarcati con la forza e rispediti nella loro regione. Incoraggiati dalle vicende cagliaritane, gli abitanti di Alghero e Sassari fecero altrettanto.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

La rivoluzione del filo rosso

La rivoluzione del filo rosso: il 28 aprile anche in Sardegna

28 aprile 2020 in Sardegna, in Italia e in Europa Mostra diffusa realizzata fra balconi, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *