Unica Radio App
Laurea skype Soumya

Soumya, “virus” speranza e laurea Skype

Con Soumya a Sassari 13 nuovi dottori a distanza

Forse “andrà tutto bene” non è solo un hashtag. Forse c’è un virus più forte e resistente del Covid-19. È il virus della cultura, dell’integrazione e della speranza. Soumya Najoui, di sicuro, è positiva. Marocchina, 27 anni, laurea triennale a Rabat, Università “Mohammed V“, da stasera è dottoressa magistrale in Gestione dell’ambiente e del territorio. Il desiderio di tagliare il traguardo è stato più forte degli ostacoli da Coronavirus. Soumya si è vestita elegante, ha messo il ‘tocco’ a portata di mano e si è seduta davanti al computer, nella sua stanza da studentessa fuori sede.

Si è collegata a Skype e ha discusso a distanza la sua tesi su “Risposte di tre cultivar di vite a diverse condizioni di radiazione Uv e temperature“. Soumya è uno dei dieci dottori proclamati oggi dal rettore Massimo Carpinelli in una Aula Magna deserta. È stata la prima sessione di laurea a distanza dell’Università di Sassari. Protagonista il Dipartimento di Chimica e Farmacia. Tutti i 13 neo-dottori vengono dai corsi di laurea in Scienze naturali e Gestione dell’ambiente e del territorio, entrambi presieduti dalla professoressa Simonetta Bagella.

La storia della neo-laureata

Arrivata dal Marocco nel 2017 col progetto Formed, Soumya ha parlato di effetti climalternati, di carignano, vermentinio e cannonau con la sua relatrice, con la professoressa Rossella Filigheddu e col rettore Carpinelli, tutti e tre in Aula Magna, e con Giulia Ceccherelli, docente di Ecologia del Dipartimento di Chimica e Farmacia, e Marco Casu, che insegna Zoologia a Veterinaria, collegati a distanza. Uno studio che ha per correlatori i dottori Giovanna Becca e Ana Oliveira, in collaborazione col Dipartimento di Agraria e il gruppo di lavoro del professor Gianni Nieddu.

“È stato strano, a casa con la mia coinquilina, senza che la famiglia mi potesse assistere, senza poter far festa – racconta all’ANSA – Ma sono felicissima, alla fine hanno prevalso emozioni normali, come la paura di non andare bene o”. È andato tutto per il meglio, e i suoi pensieri sono al futuro. “Sogno un dottorato – confessa – sono felicissima di questa esperienza e dell’incontro con questa nuova cultura spero di viaggiare ancora. E studiare“. Per la professoressa Bagella è stato strano. “L’Aula Magna vuota faceva effetto, ma siamo felici. La volontà di questi ragazzi sono un piccolo fascio di luce, sono il nostro futuro“, chiarisce.

Rassegna Significante

About Alessandro Mura

Alessandro Mura
Ragazzo col pallino dell'estetica che adora: viaggiare, film, musica, videogiochi e le mangiate esagerate con gli amici.

Controlla anche

coronavirus

Coronavirus, il 62,5% degli italiani teme per il proprio futuro

Il 62.5% degli italiani ha paura per il proprio futuro e per il proprio benessere. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *