su questo sito web
Unica Radio App
claudio caredda

Claudia Caredda: presente a Esordio d’autore

Rassegna “Scrittori esordienti”: l’autrice presenta la sua opera prima “I fuochi di Sant’Elmo”

Proseguono gli appuntamenti con la rassegna “Scrittori esordienti, alla biblioteca Lussu di Cagliari, (Villa Clara), i lettori potranno incontrare l’autrice Claudia  Caredda, che presenta la sua opera prima “I fuochi di Sant’Elmo”.
 
I fuochi di Sant’Elmo”: libro che ha avuto più di otto anni di gestazione, e è nato da un’urgenza di sciogliere degli interrogativi da parte dell’autrice. Un romanzo di formazione, di esordio per Claudia Caredda, che all’attivo ha altri due progetti narrativi.
Emanuele è cresciuto a Perugia, realtà provinciale in cui l’eco del Sessantotto è riuscito a varcare le mura cittadine. L’impeto dei nuovi ideali si confronta quotidianamente con uno scenario che, però, appare difficile da cambiare. Tuttavia la sua vita viene scossa da un episodio drammatico, che sconvolge quell’ordine famigliare da lui sempre sopportato con insofferenza.Decide di lasciarsi tutto alle spalle e di darsi alcune regole per essere sicuro di poter chiudere col passato. Impara a conoscere il mare, a vivere cavalcando l’onda delle proprie sensazioni e di quelle degli altri, intraprendendo un lungo viaggio che ha come prima meta l’Inghilterra. L’incontro con persone fuori dal comune sarà l’unica bussola in un percorso che lo porta a crescere come uomo; la risposta ai suoi perché, in ogni tappa del suo cammino in giro per il mondo, si materializza in forme inattese e allo stesso tempo impossibili da ignorare.
 
“Non ero certo che della mia desolazione interiore. Ero spogliato di qualsiasi pulsione all’attaccamento alla mia terra.
Proprio in quella distesa arida dove un tempo sorgeva il colle con sopra la mia città e la mia normale quotidianità, ho dovuto piantare regole nuove, assurde, forse stupide:
Regola 1: non avrei mai più domandato nulla. Domandato per sentire una risposta. Mettere in piedi frasi il cui tono terminasse con la richiesta di alcunché. Le domande sono mani tese a cogliere, sono aspettative già pronte a ricevere il contraccolpo.
Regola 2: non sarei mai più tornato nello stesso posto dopo essere andato via. Tornare è decretare la vittoria della famiglia, è cercare una madre, è ripresentarsi al recinto del padre.
Regola 3: avrei abitato in luoghi non arroccati, vicino al mare o comunque a uno spazio immenso dentro il quale poter respirare la lontananza.
D’altronde Perugia era morta, corrosa dal silenzio rotolato sui suoi ciottoli.
Ho iniziato un viaggio con i vestiti piegati nella borsa e queste tre regole stupide nella mia mente. Rispettarle mi avrebbe consentito di non piegarmi sotto i colpi delle ossessioni che mi lasciavo alle spalle. Partivo come un cavaliere inesistente, con un’armatura di fortuna appiccicata addosso solo dalla mia volontà di equilibrio. Mi sentivo splendido dentro questo mio nuovo, e per me necessario, compito.
Non conoscevo nulla al di fuori della mia famiglia annientata, eppure, proprio per questo, già desideravo e assaporavo tutto il mondo che da lì in poi mi sarebbe venuto incontro”. Estratto scelto dall’Autrice.
La serata è coordinata dalla giornalista Giulia Clarkson. Intervengono i lettori volontari della biblioteca, Fabrizio Zucca e Antonio Luciano per Il crogiuolo e gli studenti del liceo Pacinotti.
 
Rassegna Significante

About Isabella Murgia

Isabella Murgia
Isabella Murgia nata a Sassari, ma vivo a Cagliari dalla quinta elementare. Diploma di Liceo scientifico, laurea triennale in filosofia. Passione per il giornalismo e l'informazione.

Controlla anche

mare e miniere

Mare e Miniere 2020 apre con Rita Marcotulli il 28 giugno a Sarroch

Il concerto piano solo di Rita Marcotulli apre il 28 giugno la XIII Edizione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *