su questo sito web
Unica Radio App
CASA SIDDI

“Volevo dirti che” per il Teatro da Camera La prosa a Casa Saddi

Proseguono gli appuntamenti con la rassegna  “Teatro da Camera. La prosa a Casa Saddi”, sabato 8 febbraio in scena “Volevo dirti che” 

Lo spettacolo “Volevo dirti che” della compagnia Anfiteatro Sud, fresco di riconoscimento al Fringe di Roma, va in scena alle 21 presso Casa Saddi, via E.Toti 24, Pirri

Lo spettacolo, con in scena Marta Proietti Orzella e Francesco Civile, diretti da Susanna Mameli, vuole essere  la  campagna di sensibilizzazione della compagnia contro la violenza sulle donne, che non si ferma al 25 novembre o all’8 marzo, ma vuole essere un’azione continua in relazione al momento di emergenza sociale e culturale gravissima: ogni tre giorni una donna viene assassinata dal fidanzato, marito, ex marito o convivente secondo un decalogo da inferno dantesco. 

“Siccome ciò che sentiamo nelle cronache di tutti i giorni supera per crudeltà tutto quello che possiamo immaginare, ho sentito il bisogno di eliminare tutta questa sanguinosa coreografia violenta, lasciando solo gli elementi comuni a tutte le storie di violenza. 

Lo spettacolo propone quindi una apparente sequenza di “Luoghi Comuni” – questa storia mima e si snoda attraverso “luoghi comuni” e situazioni apparentemente ovvie. 

Anche le musiche sono “luoghi comuni” perché sono “i Classici” disidratati nelle interminabili attese delle segreterie telefoniche. La storia, per sentito dire non ci è nuova, e la cosa assurda è che tutto sembra terribilmente normale.

Si, la storia di Maria è una storia terribilmente normale, talmente normale da rendere soffocante l’idea che la normalità, la nostra vita di tutti i giorni, possa essere davvero questa.” Susanna Mameli

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *