su questo sito web
Unica Radio App
spettacolo

Debutta a Casa Saddi lo spettacolo “Senza memoria”

Debutta sabato 25 gennaio 2020, per la stagione “Teatro da Camera. La prosa a Casa Saddi”, la nuova produzione de Il crogiuolo, scritta, interpretata e diretta da Gisella Vacca, accompagnata all’organetto da Pierpaolo Vacca. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 21 a Casa Saddi in via Enrico Toti 24 a Pirri.

La memoria celebrata della Shoah dovrebbe esigere il lungo termine; la commemorazione dello sterminio per antonomasia dovrebbe costringerci a riflettere   quotidianamente su come sia facile dimenticare e smarrire elementi essenziali di  umanità; la memoria precisamente di quell’Olocausto, quello, appunto, con la O  maiuscola, dovrebbe insegnarci a tenere alta la guardia, perché la natura umana è fragilissima e facilmente manipolabile.

Il condizionale è l’unico modo verbale spendibile, purtroppo, dal momento che la Shoah non è servita, come non è servita la testimonianza degli innumerevoli genocidi che costellano come marchi del disonore la storia dell’umanità; la stessa storia che ci ricorda, col senno di poi, i motivi scatenanti dei massacri, riassumibili in brama di potere ed espansionismo.
La ricaduta è ciclica e infinito è l’elenco di esseri, di interi popoli e etnie trucidati e annientati per meri interessi economici maldestramente travestiti da necessari  provvedimenti per la difesa della “razza” e della religione; scuse comunque insensate e inaccettabili.

Acquietiamo la nostra coscienza ricordando le vittime a scadenze determinate; tra esse ci sono gli indios e i nativi americani, ci sono gli armeni e, ovviamente, tutti i perseguitati del nazi-fascismo che, insieme a milioni di ebrei, ha tramutato in cenere centinaia di migliaia di rom e sinti, disabili e malati di mente, omosessuali, dissidenti e, in generale, persone ai margini o non allineate. Le commemorazioni periodiche, per quanto necessarie, non bastano.

Il biasimo degli Stati e dei singoli individui dev’essere quotidiano e sostenuto da azioni decise e concrete. Soprattutto in questi ultimi anni, in cui assistiamo in diretta all’ennesimo massacro dei kurdi e dei palestinesi attraverso immagini strazianti che vediamo in ogni momento e non ci fanno quasi più orrore, perché ci abituano subdolamente all’intollerabile e ci traghettano inesorabilmente verso l’ignavia. È la “normalizzazione dell’abnorme” traslata all’esterno di noi stessi.

Questo recital ricorda il passato e il presente e ricorda tutti. In musica e in poesia, le tragedie sembrano più leggere ma la memoria permane a lungo termine nel conscio e nell’inconscio.

Rassegna Significante

About Mattia Tatti

Mattia Tatti
Nasce a Cagliari nel 1995. Dopo aver conseguito la maturità nel 2015, comincia a studiare presso la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo in Spettacolo. Appassionato di cinema e fotografia;

Controlla anche

T.Off

T.Off Cagliari presenta Logos/Cortoindanza e Interconnessioni

Spettacoli, residenze artistiche, laboratori e cantieri itineranti nei luoghi storici e culturali tra i più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *