Unica Radio Skill Alexa
Donna coricata sul pavimento

Rut l’anteprima al festival abbabula 2020

Rut anteprima del nuovo progetto internazionale interpretato da Chiara Murru de diretto da Nicola Bremer

RUT, spettacolo teatrale interpretato dall’attrice Chiara Murru, scritto dal regista e direttore del Teatro stabile di Costanza Christoph Nix e diretto da Nicola Bremer debutterà in prima assoluta alle ore 20,30 di domenica 12 gennaio 2020 sul palcoscenico de Lo Teatrì di Ignazio Chessa in via Manzoni 85 ad Alghero, come anteprima dell’edizione 2020 del festival Abbabula.

Tra antichi racconti e attualità

Il Libro di Rut, Antico Testamento, racconta la storia della moabita Rut che insieme alla suocera Noemi. Dopo la morte del marito, abbandona la sua terra e va in Israele alla ricerca di una vita migliore. Ed è proprio qui che il testo diventa attuale. Quanti abbandonano oggi la propria terra e cercano una vita migliore qua da noi? Giunta in Israele Rut deve affrontare non solo i pregiudizi e il razzismo degli Israeliti, ma anche il sessismo della società patriarcale ancora spaventosamente simile alla società di oggi. Il paradosso straordinario è che Rut, alla fine, non solo riuscirà a conquistare il proprio posto ma sarà anche l’unica straniera nella genealogia da cui nascerà Gesù, il messia tanto atteso dal popolo d’Israele.

Il bellissimo testo di Christoph Nix sembra dirci che ad un certo punto della vita è necessario provare sulla propria pelle la situazione di estraneità, di lontananza dalla propria terra e imparare così la solidarietà e l’accoglienza dell’altro dice Nicola Bremer. Solo se scegliamo di diventare stranieri la nostra vita esce dai circoli soffocanti delle sicurezze e si apre alla fecondità. Forse è proprio il tempo della crisi ciò che ci costringe a uscire e farci stranieri.

IL “viaggio” di RUT

Un monologo ispirato alla vicenda biblica di Rut, narrata nel vecchio Testamento. Rut, letteralmente, significa “L’amica” ed è il nome della protagonista sulla scena. Una rifugiata che ripercorre lo scorrere della sua vita e racconta la sua rinascita fra amore, solidarietà femminile e riscatto. Uno spettacolo che, concettualmente, va ben oltre la sacralità dell’ispirazione e si presenta come molto attuale e contemporaneo, essenziale, rigoroso, molto intenso e foriero d’un messaggio di profondità umana.

Come Rut, dovremmo anche noi diventare consapevoli che le nostre radici non sono solo il luogo dove siamo nati o vissuti, ma anche il luogo dove scegliamo di vivere e a cui sentiamo di appartenere. Non c’è peggior idiozia che l’idolatria della terra prosegue il regista Cioè quella dimensione nazionalistica e di assolutizzazione delle proprie radici. E ignorano il fatto fondamentale che siamo tutti pellegrini e stranieri. È interessante come il termine gher in ebraico significa sia residente che straniero. Perché la terra va abitata non posseduta

Davanti e dietro il sipario i nomi dietro l’opera

Regia e traduzione affidata all’esperienza di Nicola Bremer che, assieme a Chiara Murru, ha curato anche scenografia e costumi, “RUT” dopo la prima assoluta di domenica prossima sarà replicato ad Alghero anche dal 16 al 18 gennaio alle ore 20,30 e il 19 gennaio alle ore 18.

La prestigiosa sinergia che ha portato il Teatro stabile di Costanza uno dei più innovativi dell’intera Europa con oltre 15 produzioni originali l’anno. A investire sullo spettacolo prossimamente in scena ad Alghero, è testimonianza della bontà e della qualità di un progetto che guarda lontano ed è destinato ad andare lontano. 

Christoph Nix avvocato e regista, già direttore artistico del teatro di Nordhausen e del teatro stabile di Kassel in Germania, dal 2006 dirige il teatro stabile di Costanza. I suoi spettacoli sono stati in tournée in paesi di tutto il mondo, soprattutto in Africa. Nel 2018, al festival internazionale di Erbil (Iraq) ha vinto il premio come miglior regista per la messa in scena di “Aspettando Godot”. Ha scritto diversi romanzi e racconti brevi. Da oltre trent’anni trascorre le sue estati ad Alghero, dove possiede un piccolo appartamento.

Chiara Murru vincitrice del premio miglior regia al Roma Fringe Festival 2012 con lo spettacolo “Il Sentiero dei Passi Pericolosi” di M.M. Bouchard. Vive e lavora ad Alghero, dove è nata. Insegnante, attrice e regista dello Spazio-T, una tra le più attive realtà teatrali in Sardegna. Laureata in Linguaggi dei Media con indirizzo  all’Università Cattolica del Sacro Cuore, si diploma alla scuola biennale del teatro Arsenale di Milano e consegue il Master in Comunicazione per Eventi . È direttrice artistica della rassegna teatrale “Inscena-T” e del Mamatita Festival. 

Nicola Bremer autore e regista ha diretto spettacoli che sono andati in scena in tutta Europa e nel Medio Oriente. Lavora soprattutto nei teatri stabili tedeschi, in particolar modo a Dresda e Costanza. Nel 2016 ha ideato la serie teatrale “Selfies einer Utopie” che continua ad andare in scena in diversi teatri d Germania. Per questo la rivista “Theater Heute” lo ha nominato miglior artista emergente. Nicola Bremer dirige per la prima volta uno spettacolo in Sardegna.

Rassegna Significante

About Elia Murgia

Elia Murgia
studente di beni culturali e spettacolo al terzo anno abita a Escalaplano, appassionato di cinema

Controlla anche

Teatro

Teatro: “Voci”, mito di Arianna rivive tra rovine di Nora

Una platea virtuale per “Voci/ogni isola ha il suo labirinto”, il nuovo spettacolo scritto, diretto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *