Unica Radio App
''Calendesercito 2020''

”Calendesercito 2020” presentazione a Cagliari

”Calendesercito 2020”: martedì 17 dicembre, alle 10:30, nell’Auditorium del Convitto Nazionale Statale “Vittorio Emanuele II”, si terrà la presentazione del “CalendEsercito 2020” in Sardegna. L’edizione 2020 dell’opera editoriale, realizzata anche grazie alla collaborazione con la Società Leonardo, sarà illustrata dal Generale di Brigata Francesco OLLA, Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna.

”Calendesercito 2020” : Verrà illustrato il significato del calendario il cui tema è l’identità del Soldato italiano quale fondamentale pilastro dell’Esercito Italiano: essere Soldati vuol dire servire in armi la Patria con lealtà e orgoglio, onorare e rafforzare i valori, le tradizioni e le virtù militari, essere fedeli sempre al proprio giuramento, dimostrare coraggio e altruismo, essere pronti a sacrificare la vita per la difesa del nostro Paese e il bene della collettività.

La partecipazione degli Organi d’Informazione sarà particolarmente gradita.

Storia dell’esercito Italiano:

Subito dopo l’unità d’Italia nel 1861, venne costituito il Regio Esercito italiano, che nacque dalla fusione dell'”Armata Sarda” con gli altri eserciti operativi nei vari stati preunitari italiani; la denominazione venne stabilita il 4 maggio 1861, con decreto (nota n. 76 del 4 maggio 1861) del Ministro della guerra Manfredo Fanti.

Da allora il Regio Esercito ha partecipato alla Terza guerra di indipendenza, alle campagne coloniali, alla prima e alla Seconda guerra mondiale, prima dalla parte dell’Asse e dopo l’8 settembre 1943 dalla parte degli Alleati.

L’esercito repubblicano nacque dopo la proclamazione della Repubblica il 2 giugno 1946. La sua base consisteva nel Corpo italiano di liberazione, che aveva partecipato alla campagna d’Italia al fianco della forze Alleate contribuendo alla liberazione del territorio nazionale. Dopo la cessazione delle ostilità, la Missione Militare Alleata il 14 novembre 1945 stabilì le norme alle quali il nuovo esercito, detto “di transizione”, doveva attenersi.

[6] La struttura doveva rimanere quella stabilita fino alla firma del trattato di pace. I cinque Gruppi di Combattimento che erano stati costituiti via via che le forze Alleate avanzavano divennero altrettante divisioni binarie, cioè formate da due reggimenti (solo di fanteria): Divisione fanteria “Friuli”“Cremona”“Legnano”“Folgore” e “Mantova”.

A queste si aggiungevano tre divisioni di sicurezza interna, la “Aosta”, la “Reggio (originariamente “Sabauda”) e la “Calabria” cui si aggiungevano altri dieci reggimenti di cui tre alpini, portando la forza complessiva di quelle che venivano denominate “forze mobili e locali” a 90 000 uomini.[6]

Altre componenti dell’esercito di transizione erano l’Organizzazione centrale e undici comandi militari territoriali che dovevano sostituire le funzioni dei preesistenti comandi di corpo d’armata in tempo di pace, per complessivi 9.000 uomini; l’amministrazione, comprendente le unità dei servizi con altri 31.000 uomini; la componente detta “Addestramento e complementi” che raggruppava il Centro Addestramento Complementi di Cesano e le scuole militari, per complessivi 10.000 uomini, che portavano il totale a 140.000 uomini.

Alcuni reparti, consistenti in una divisione, sei raggruppamenti e due gruppi di battaglioni (equivalenti a reggimenti) rimanevano ancora sotto il comando Alleato.

L’organizzazione addestrativa di base era affidata ai comandi militari territoriali, attraverso i Centri addestramento reclute (CAR), con un organico a livello di reggimento, mentre l’addestramento avanzato veniva svolto dalle scuole militari.

Inoltre ai comandi territoriali veniva assegnato un reggimento operativo in modo da garantire una presenza diffusa sul territorio, tranne in Sicilia nella quale i compiti di vigilanza vennero assegnati a due divisioni di sicurezza,[6] visti i problemi legati alle tendenze separatiste dell’isola.

Nel 1946 le tre divisioni per la sicurezza interna vennero trasformate in unità operative, con l’aggiunta di un gruppo di artiglieria e un gruppo squadroni di cavalleria blindata (con cingolette CV35) della ricostituita Arma di cavalleria, e questa fu la struttura definitiva dell’Esercito di Transizione alla firma del trattato di Parigi nel 1947.

Rassegna Significante

About Mattia Tatti

Mattia Tatti
Nasce a Cagliari nel 1995. Dopo aver conseguito la maturità nel 2015, comincia a studiare presso la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo in Spettacolo. Appassionato di cinema e fotografia;

Controlla anche

cagliari

Assembramenti vietati sino al 31 luglio

Nuova ordinanza del sindaco di Cagliari,vietati gli assembramenti sino al 31 luglio Nuova ordinanza del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *