Unica Radio Skill Alexa
MAZZEO

Premio ”Francesco Mazzeo” a Fabio Medas

PREMIO FRANCESCO MAZZEO A FABIO MEDAS: ANCORA UN RISULTATO DI PRESTIGIO NAZIONALE ASSOLUTO PER IL GIOVANE RICERCATORE DI CHIRURGIA GENERALE, È STATO PREMIATO A NAPOLI 

Fabio Medas, ricercatore di Chirurgia Generale al Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell’Università di Cagliari, ha ritirato ieri a Napoli il prestigioso premio intitolato a Francesco Mazzeo, grande chirurgo della scuola napoletana e fondatore della Società Italiana di Chirurgia Oncologica. Il riconoscimento, rivolto ai chirurghi e ricercatori under 40, è stato assegnato dopo una attenta valutazione da parte di una apposita commissione del curriculum vitae dei candidati che hanno presentato domanda.

Medas, 37enne, che aveva già vinto nel 2016 un analogo riconoscimento (borsa di studio Ettore Ruggeri), svolge la propria attività chirurgica nel reparto di Chirurgia Generale e Polispecialistica della AOU di Cagliari, diretto dal prof. Piergiorgio Calò.

E’ autore di oltre 60 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali, è in possesso dell’abilitazione a professore associato, ed ha effettuato numerosi corsi di perfezionamento in centri di rilievo in Italia e all’estero.

Grazie al premio conquistato, il dottor Medas potrà partecipare gratuitamente al corso di Chirurgia Colorettale Mininvasiva che si terrà nel 2020.

Università degli Studi di Cagliari: è una università statale italiana fondata nel 1607 ed entrata ufficialmente in funzione nel 1626.

Nel 2016 conta 31102 studenti iscritti

La fondazione:

Da tempo il parlamento sardo chiedeva l’istituzione di un ateneo nella capitale, per aumentare il tasso d’istruzione ed evitare ai regnicoli i disagi di costose trasferte nelle università del continente, soprattutto in quelle di PisaBologna e Salamanca. Fu nei primi anni del ‘600 che l’azione degli stamenti, guidati dall’arcivescovo di Cagliari monsignor Francisco d’Esquivel, ottenne la costituzione dell’università a Cagliari: nel 1607 papa Paolo V emanò la bolla d’istituzione, mentre nel 1620 fu conseguito il privilegio di fondazione da parte di Filippo III di Spagna.

Nel 1626 iniziarono quindi le attività dell’Universitas Studiorum Caralitana.

Lo Studium generale fu istituito secondo il modello iberico[in che cosa differiva da quello italiano?], con quattro Collegi d’Insegnamento: TeologiaLeggiMedicina e Filosofia, col corso di Arti preliminare ai quattro precedenti.

Lo Stemma: 

Lo stemma dell’ateneo deriva dalla sua collocazione geografica e dal patronato sotto cui è stato posto alla sua fondazione, ossia Maria ed i santi sardi Ilario, papa, e Lucifero ed Eusebio, vescovi.

Esso, raffigurato abitualmente rotondo, ha lo sfondo rosso e azzurro, i colori della città di Cagliari. In alto sono riprodotti lo stemma del Regno, sulla destra, e della capitale, sulla sinistra, affiancati alla raffigurazione della Madonna posta in capo; in basso, la mitra di san Lucifero con la lettera L, la tiara di sant’Ilario con la lettera H (Hilarius) e la mitra di sant’Eusebio con la lettera E; sotto le due mitre, in posizione rispettiva di banda e sbarra, una ferula a due bracci ed un pastorale.

La cornice dello stemma è d’oro e riporta la scritta in caratteri neri a stampatello Universitas studiumque generale regni Sardiniae in civitate Kalari erectum – 1606, a ribadire il carattere “nazionale” dell’ateneo di Cagliari.

Rassegna Significante

About Mattia Tatti

Mattia Tatti
Nasce a Cagliari nel 1995. Dopo aver conseguito la maturità nel 2015, comincia a studiare presso la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo di Cagliari, intraprendendo l'indirizzo in Spettacolo. Appassionato di cinema e fotografia;

Controlla anche

occhio

Alcune cellule retiniche frenano i processi neurodegenerativi

Le cellule bipolari della retina riescono a bloccare i processi neurodegenerativi dei pazienti affetti da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *