Unica Radio App
IL GIOCO DELLE OSSA

La pièce “Jeff. Il gioco delle ossa” in scena al TsE

Viaggio nella mente di un serial killer con “Jeff. Il gioco delle ossa” di Abaco Teatro e NudiCrudi in cartellone sabato 30 novembre alle 21 al TsE di Is Mirrionis a Cagliari per la Stagione di Teatro Senza Quartiere 2019-2020 organizzata dal Teatro del Segno.

Una favola nera per la per la Stagione di Teatro Senza Quartiere 2019-2020 firmata Teatro del Segno: sabato 30 novembre alle 21 al TsE di via Quintino Sella nel cuore di Is Mirrionis a Cagliari va in scena “Jeff. Il gioco delle ossa” di Abaco Teatro e NudiCrudi, con drammaturgia e regia di Dafne Turillazzi e Antonello Verachi e uno straordinario Tiziano Polese nel ruolo del protagonista, un pericoloso serial killer, per un viaggio nei labirinti della mente e del cuore tra le ferite e i ricordi dell’infanzia, la profonda solitudine e la seduzione della morte tra amore e follia.

La pièce originale – liberamente ispirata alla storia di Jeffrey Dahmer, il famigerato “mostro di Milwaukee” – ricostruisce per frammenti, pensieri, ricordi, sogni, dialoghi l’esistenza tormentata del giovane fin dai primi anni, trascorsi con genitori distratti e forse anaffettivi, o comunque distanti, con l’ombra di possibili abusi da parte di un vicino, tra la crudeltà e lo scherno dei compagni e la difficoltà nello stringere vere amicizie.

Il fanciullo solitario impara a divertirsi con la fantasia, creando mondi immaginari: «Quando ero bambino avevo inventato un gioco. Lo chiamavo il Paese dell’Infinito ed era un mondo popolato da Uomini Stecchino e Spirali» – racconta -. «Se due Uomini-Stecchino si avvicinavano fino a toccarsi si distruggevano a vicenda…». Un incontro fatale, o meglio impossibile, che egli stranamente riproporrà nella realtà, trasformando i ragazzi di cui si invaghisce in corpi senza vita dei quali disporre a proprio piacimento, come se gli fosse più semplice rapportarsi con oggetti inanimati che con i propri simili e traesse piacere solo dalla compagnia silenziosa dei defunti. Quei cadaveri nascosti in cantina, amati e violati, anzi “consumati” dalla sua passione, poi spesso fatti a pezzi e perfino divorati, in un rito perverso nel quale Jeffrey Dahmer aveva comunque cura che le vittime non soffrissero, sono i muti testimoni di un lucido delirio, un desiderio inconfessabile in cui si fondono eros e thanatos.

Jeff. Il gioco delle ossa” non rappresenta la cronaca più o meno puntuale di una spirale di sangue ma indaga le origini del male, in quella frattura dell’io da cui scaturisce la pulsione omicida quale unico esito di un’attrazione sessuale e del conseguente gioco di seduzione: un enigma psicologico, le cui cause sono forse da ricercare in traumi e mancanze, nell’isolamento ricercato e temuto, tra crisi d’identità e fame di tenerezza. Jeff è il fanciullo malinconico, introverso e incompreso, l’adolescente inquieto alle prese con le metamorfosi e gli impulsi naturali, il giovane dall’aspetto gentile che riesce a ammaliare e ingannare: un cacciatore solitario che si accanisce sulla sua preda, contemporaneamente carnefice e vittima, incapace di sottrarsi a quella danza macabra, di interrompere quel suo terribile gioco.

Il “mostro di Milwaukee” con i suoi efferati delitti è diventato un personaggio (quasi) leggendario, un eroe in negativo, un simbolo dell’orrore, dalla sua storia sono stati tratti romanzi, films e perfino serie televisive, oltre a canzoni e concept album. Una creatura fuori dalle regole e dagli schemi, uno spirito distruttore, quasi generato da un incubo, ma senza nessun segno visibile, nessun indizio delle sue speciali predilezioni e della sua vocazione per la morte.

Jeff. Il gioco delle ossa” narra la storia in forma di ballad, tra suspense e poesia, rievocando l’età dell’innocenza con le figure cruciali della madre e del padre (interpretate in video da Rosalba Piras e Gerardo Ferrara) e facendo riemergere dal fondo della memoria anche il fantasma di una delle vittime, Konerax (lo scrittore e griot Boucar Wade), ma a dispetto delle atrocità restituisce un ritratto struggente del giovane assassino, in tutta la sua fragilità e “umanità”.

Un’opera multimediale tra suoni, parole e visioni per esplorare il mistero di un angelo sterminatore e riflettere su quanto possa essere sottile la linea che separa normalità e alienazione, per cercare di comprendere – finalmente – anche le ragioni del “mostro”, il suo dolore che si somma alla sofferenza delle vittime, in un dramma che forse si sarebbe potuto evitare, o prevenire, e rispecchiarsi anche a tratti, come in una vertigine, nell’indicibile, per ritrovarsi “a pezzi” in quello stesso specchio infranto, al di là del bene e del male.

INFO e prenotazioni: [email protected]

Rassegna Significante

About Alessia Sanna

Alessia Sanna
Nata a Cagliari ma vive a Pula. Diplomata in lingue presso il liceo "Eleonora d'Arborea" di Cagliari e attualmente studentessa di Scienze della Comunicazione all'Università di Cagliari. Cantante e amante della musica, ha partecipato a concorsi ed eventi musicali noti in Sardegna. Appassionata dei social media, giornalismo e spettacolo.

Controlla anche

babbo natale in teatro

Spettacolo di Natale con “Scarpette Rosse” di Abaco Teatro

Allo Spazio Hermaea di Pirri l’ultimo appuntamento della rassegna “Scuole e Famiglie a Teatro” Domenica22 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *