su questo sito web
Unica Radio App
turritana

Federico Marras Perantoni: «Canto in lingua turritana»

Federico Marras Perantoni: «Canto in lingua turritana»

 
 
00:00 / 4:34
 
1X
 

Abbiamo intervistato Federico Marras Perantoni in occasione del Premio Parodi 2019

Federico Marras Perantoni, in gara al Premio Andrea Parodi 2019, per la sua XII edizione, intervistato da Unica Radio durante il festival tenutosi all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari Pierluigi da Palestrina dal 10 al 12 ottobre, parla del brano scelto per la competizione: “Canzona di Mari n° 2 – Fòggu e fiàra”, composta e cantata in Turritano, la lingua tipica del nord-ovest della Sardegna.

«L’essenza della competizione musicale che si respira al Parodi è essa stessa “world music”» secondo Federico che è un artista completo: ha iniziato giovanissimo, studiando musica, teatro, danza, recitazione.

Dopo una prima esperienza con la composizione in lingua italiana, Federico si è concentrato maggiormente sull’uso della lingua Turritana, la stessa del brano col quale si è presentato al Parodi, il quale ha una vocazione piratesca ed evoca nell’aspetto e nei suoni la ciurma raccolta nel viaggio, i luoghi di appartenenza, con caratteristiche capaci però di evadere e andare oltre l’isola. Brano apprezzato per i suoi giochi fonici, tanto da valergli la menzione espressamente a ciò dedicata.

Per ciò che concerne il brano di Andrea Parodi da reinterpretare, a Federico è toccato lavorare su “Rosa e Resolza”, facendolo a modo suo, mantenendo una certa coerenza col linguaggio da lui utilizzato, perciò riproponendolo in lingua turritana.

ASCOLTA L’INTERVISTA

Rassegna Significante

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

diarra sysal

Saly Diarra: «cantare Andrea Parodi? Emozionante!»

Saly Diarra – in gara al Premio Parodi 2019 – si racconta ai microfoni di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *