Unica Radio App
emissioni zero

Vertice clima, Greta sferza i leader mondiali. Emissioni zero entro 2050

E’ Greta Thunberg è il volto del vertice Onu sul clima di New York. “Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote” ha tuonato la musa del movimento Fridays for Future sferzando i presenti al Palazzo di Vetro.

L’ecosistema sta collassando, siamo all’inizio di un’estinzione di massa, e tutto ciò di cui voi parlate sono soldi, favole e crescita economica”. Poi, tra lacrime piene di rabbia, ha ribadito ciò che ripete da un anno: “La scienza da trent’anni è chiara ma voi distogliete lo sguardo, come osate?”. “Ci state deludendo – ha quindi aggiunto la 16enne attivista svedese – ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi, e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai”. “Il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”.

Ad ascoltare Greta c’erano i leader di tutto il mondo che si sono impegnati ad abbandonare i combustibili fossili e a rallentare l’aumento delle temperature globali durante l’evento dell’Onu. “Settantasette paesi, molti nel mondo industrializzato, si sono impegnati a ridurre le emissioni nette di carbonio entro il 2050. Settanta paesi hanno annunciato che aumenteranno i loro contributi nazionali determinati entro il 2020. Oltre 100 leader del settore privato si sono impegnati ad accelerare il loro passaggio alla green economy” è quanto ha reso noto il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, in chiusura del summit.

Non era atteso al summit Donald Trump. Il presidente americano aveva detto che non sarebbe andato e invece ha fatto la sua apparizione a sorpresa. L’inquilino della Casa Bianca è arrivato in ritardo, perdendo sia l’intervento di Guterres che quello di Greta, e ha preso posto accanto al vice presidente Mike Pence e all’ambasciatore Usa all’Onu, Kelly Craft, applaudendo l’intervento del presidente indiano, Narendra Modi.

Un appello per salvare il pianeta è arrivato da Papa Francesco. A 4 anni dallo “storico” accordo di Parigi, “si osserva come gli impegni assunti dagli Stati sono ancora molto ‘fluidi’ e lontani dal raggiungere gli obiettivi fissati” – ha detto Bergoglio in un videomessaggio al vertice Onu. “E’ necessario chiedersi se vi sia una reale volontà politica di destinare maggiori risorse umane, finanziarie e tecnologiche per mitigare gli effetti negativi del cambiamento climatico e aiutare le popolazioni più povere e vulnerabili, che sono quelle che ne soffrono maggiormente”.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Delle papere in una gabbia

L’Onu chiede la chiusura dei mercati di animali selvatici vivi

Arriva la richiesta dell’Onu per prevenire future pandemie: la messa al bando in tutto il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *