su questo sito web
Unica Radio App
Antioco Floris

Antioco Floris presenta il libro “Banditi a Orgosolo”

Giovedì 23 maggio il volume di Antioco Floris sarà al centro di un dibattito alla Mediateca del Mediterraneo

Sarà presentato giovedì 23 maggio alle 17.30 alla MEM (Mediateca del Mediterraneo) il volume di Antioco Floris “Banditi a Orgosolo. Il film di Vittorio De Seta”. Si tratta di una pellicola che occupa una posizione riconosciuta nella storia del cinema mondiale: dalla sua uscita nel 1961, con il premio come miglior opera prima alla Mostra del cinema di Venezia, è stato via via sempre più apprezzato per le sue qualità cinematografiche e narrative fino ad arrivare alla famosa frase di Martin Scorsese di pochi anni fa che lo definisce un capolavoro indiscusso. Così, a distanza di sessant’anni la pellicola viene ancora proiettata nelle rassegne sui classici del cinema nelle grandi città di tutto il mondo.

Per la Sardegna Banditi a Orgosolo riveste un valore ulteriore perché negli anni ha assunto il carattere di film di fondazione, opera da cui è difficile prescindere quando si riflette sull’immaginario cinematografico legato all’isola.

Il libro di Antioco Floris, oltre a inquadrare il film nel contesto di produzione e di ricezione internazionale, raccoglie i materiali che documentano la sua realizzazione: appunti, fotografie di scena e di set, la sceneggiatura desunta, riflessioni dell’autore. Il libro, progettato con lo stesso regista poco prima che morisse e pubblicato dall’Editore Rubbettino, si definisce nell’ambito di un progetto di ricerca dell’Università di Cagliari finanziato dalla Regione Sardegna e prende corpo grazie anche ai materiali conservati alla Cineteca Sarda.

Alla presentazione – con l’autore e coordinati da Antonello Zanda – interverranno Gianni Filippini, decano dei giornalisti della Sardegna e all’epoca dell’uscita del film critico cinematografico de L’Unione Sarda, Michelina Masia, docente di Sociologia del diritto e di Antropologia giuridica all’Università di Cagliari, e Sergio Naitza, critico cinematografico e regista documentarista.

Rassegna Significante

About Simone Cadoni

Simone Cadoni
Classe 1993. Giornalista pubblicista, ha conseguito la laurea in Lingue e Comunicazione e un master in Giornalismo. Dai tempi dell'università collabora con Unica Radio, per cui si occupa della produzione di articoli e interviste.

Controlla anche

biowatching

“Imparare a vedere”, dal 19 febbraio 2020 alla MEM

Il percorso di “Biowatching” comprende incontri, seminari, laboratori ed escursioni guidate. Prenderà il via il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *