Unica Radio App
restauro monastero

Le Statue del ‘700 restaurate nella chiesa Sassari grazie al FAI

Le statue settecentesche raffiguranti le stazioni della “Via Crucis” tornano ad antico splendore.

Appuntamento domani 3 aprile 2019 alle 18.30 la chiesa delle monache cappuccine intitolata a Gesù, Giuseppe e Maria aprirà i battenti e la preziosa collezione sarà esposta per la prima volta dal restauro realizzato di recente grazie al Fai. Alcune statue lignee, altre di cartapesta, le statue sono finemente decorate e hanno grandissimo pregio artistico. Il restauro le ha riportate agli originari colori pastello.

Storicamente sono affidate alle cure della Confraternita dei Misteri, che le custodisce nella sagrestia della chiesa edificata alla fine del Seicento nell’omonima via delle Monache Cappuccine insieme all’attiguo convento di clausura. Furono realizzate con le donazioni di un medico e una nobildonna sassaresi a cinque giovanissime suore spagnole, arrivate da Madrid per realizzare il sogno di un nuovo convento in una terra lontana. Originariamente lì sorgeva la chiesa di San Salvatore. A distanza di secoli e nonostante le demolizioni che hanno interessato l’area, la chiesa e parte del convento sono ancora testimoni di una Sassari che non c’è più.

L’inaugurazione delle statue restaurate sarà introdotta dal capodelegazione del Fai Sassari, Maria Teresa Accardo. Parteciperanno l’arcivescovo di Sassari, Gianfranco Saba, il direttore dell’Ufficio beni culturali dell’arcidiocesi di Sassari, Giancarlo Zichi, la storica dell’arte della Soprintendenza, Maria Paola Dettori,e la presidente regionale del Fai, Monica Scanu. “Quelle statue sono oggetto di speciale devozione popolare proprio per ciò che rappresentano”, dice Maria Teresa Accardo. “Piccole e delicate – aggiunge – sono espressione importante della storia e della cultura di Sassari”.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

la storia del re

La storia del Re di Tavolara diventa una fiction RAI

I primi ciak a metà giugno, la firma il regista Tiziano Fiucci per raccontare il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *