Unica Radio App
arche di silecchia

Le arche di Silecchia salveranno l’arte sarda?

52 anni, artista e una vita non disordinata; Silecchia affronta il quotidiano con dedizione.


Dal tornio al colore; dallo schizzo all’opera finita. E ritorno. In un movimento circolare che disegna il raggio di una ricerca perpetua, mai paga, e che descrive un mondo: quello di Marco Silecchia, da Sassari. La terra che l’ha visto nascere l’ha nutrito e cresciuto; ne ha guidato i primi passi, lo ha ispirato, e lo ispira.

 Tutto mescolato sapientemente, perché Marco Silecchia non improvvisa; le sue opere vengono fuori da mani che “hanno studiato”; sono plasmate da chi, prima di passare al tornio, era sui libri, sui banchi dell’Accademia. E che prima ancora aveva potuto attingere alla sapiente arte del padre Giuseppe, a sua volta allievo di Eugenio Tavolara.

Nelle sue recenti creazioni, Silecchia intende restituire all’Arte la dignità della parola; la generosità di cui è connaturata: dare alla luce un’opera equivale a partorire, a lasciare nel mondo – e al mondo – una parte di sé, che ci sopravvivrà… Significa fare un dono all’umanità intera. Da qui l’idea di puntare sulla rappresentazione di arche.

Le arche sono nate dall’idea del “salvataggio stesso dell’arte”; per costruirci attorno il pensiero di (tras)portare l’arte a un livello superiore, tra i flutti del nichilismo contemporaneo.


Era il 2015 e allora vi hanno trovato posto la flora e la fauna tipica sarda, con un Noè-guerriero ad accompagnarli. Poi, via via, gli animali sono scomparsi, l’idea si è evoluta e, un po’ alla volta, a bordo, è salito chi, nel momento creativo, ha ispirato di più il suo creatore. “Ma si tratta di forme libere, di sfogo personale – continua Silecchia -. Quello che cerco è di dare una ‘struttura formale’ all’energia che irradia la materia. La forma dei miei vasi-scultura, per esempio, è filosofica: la materia è una circostanza, un’incombenza inevitabile e plasmarla è un dovere da assolvere.

Ma l’arca, specialmente, non cede al compromesso, né economico né politico: c’è totale libertà. Una libertà che ho conquistato negli anni e che spesso ‘pago’ con l’isolamento, anche fisico. L’arca è, in un certo senso, un luogo d’incontro: le forme nascono, pronte a farsi accogliere da qualcuno”.  Perché, in fondo, gli artisti sono come gli antichi stregoni, sono alchimisti. Dalla materia inerte scovano l’oro.

Rassegna Significante

About Emmanuele Piga

Emmanuele Piga
Emmanuele Piga nasce a Cagliari il 2 Agosto 1999. Conseguita la maturità linguistica nel 2018, nello stesso anno comincia a studiare presso la facoltà di Studi Umanistici di Cagliari, seguendo l'indirizzo letterario di Lingue e Culture per la Mediazione Linguistica.

Controlla anche

Mattarella e Garrucciu rendono onore a Francesco Cossiga

Mattarella e Garrucciu rendono onore a Francesco Cossiga

Un’iniziativa particolarmente significativa e di alto spessore culturale, che si articolerà in due parti: la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *