Unica Radio App
mulini a vento

Il “Don Chisciotte” al Teatro Massimo

Il fascino intramontabile del “Don Chisciotte” rivive sulla scena dal 3 al 7 aprile al Teatro Massimo

 Il fascino intramontabile del “Don Chisciotte” rivive sulla scena nell’immaginifica trasposizione del celebre romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra con adattamento di Francesco Niccolini, per la regia di Alessio Boni,  Roberto Aldorasi e Marcello Prayer– in cartellone da mercoledì 3 aprile fino a domenica 7 aprile al Teatro Massimo di Cagliari (tutti i giorni da mercoledì a sabato alle 20.30 e la domenica alle 19, mentre giovedì 4 aprile doppia recita con la replica pomeridiana alle 16.30 – turno P) sotto le insegne della Stagione 2018-2019 de La Grande Prosa & Teatro Circo organizzata dal CeDAC – nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

Alessio Boni copyright Andrea Ciccalè medium Il "Don Chisciotte" al Teatro Massimo
Alessio Boni

Sotto i riflettori – nel ruolo dell’ingenioso hidalgo innamorato dei libri e diventato cavaliere errante per amore di un ideale – Alessio Boni (volto noto e amatissimo del grande e del piccolo schermo, da “La donna del treno” di Carlo Lizzani e “Incantesimo”, a “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana e “La bestia nel cuore” di Cristina Comencini, fino ai recentissimi “La compagnia del cigno” di Ivan Cotroneo e “Il nome della rosa” di Giacomo Battiato – nonché attore di teatro, diretto da maestri come Peter Stein, Luca Ronconi e Giorgio Strehler) accanto all’attrice turca Serra Yilmaz, musa di Ferzan Özpetek, artista eclettica, raffinata interprete teatrale e cinematografica nonché vocalist per gruppi musicali come Baba Zula e Islak Kopek, che presta volto e voce al fido scudiero Sancho Panza – giovane contadino simbolo di purezza di cuore la cui saggezza di matrice popolare contrasta con la “lucida follia” di Don Chisciotte.

Nel cast dello spettacolo – prodotto dalla compagnia Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo – anche Marcello Prayer (che ha condiviso spesso la scena con Alessio Boni, dai progetti  nel segno di Cesare Pavese e Pier Paolo Pasolini a spettacoli come “I duellanti”) oltre a  Francesco Meoni, Pietro Faiella, Liliana Massari, Elena Nico e a Nicolò Diana (che “anima” il cavallo Ronzinante);  le scenografie sono di Massimo Troncanetti, i costumi di Francesco Esposito, il disegno luci di Davide Scognamiglio e le musiche di Francesco Forni, la drammaturgia “collettiva” porta le firme di Roberto Aldorasi, Alessio Boni, Marcello Prayer e Francesco Niccolini.

La pièce narra le strabilianti avventure di un eroe fuori dal tempo il cui spirito, infiammato dalla lettura dei poemi cavallereschi e insofferente alle regole e alla routine di una tranquilla esistenza in un paesino della Mancia, anela a epiche imprese degne degli antichi guerrieri in armatura: abbandonata la sua dimora il nobiluomo Alonso Chisciano affronta il vasto mondo, andando incontro a pericoli sconosciuti, in cerca di avversari con cui mettere alla prova il suo valore.

“Don Chisciotte” è un perfetto eroe post-moderno – una creatura dell’immaginario sospesa tra vita e sogno, un uomo capace di guardare oltre le apparenze e decostruire e ricostruire la realtà – sfidando il dolore e perfino la morte per dare un significato alla propria esistenza. La pièce ripropone l’amletico dilemma dell’essere o non essere, combattere pur sapendo che tutto condurrà a un’inevitabile fine o rassegnarsi davanti alla malvagità e ai “colpi della sorte” – in una mise en scène “lirica” e coinvolgente, che riflette la complessità e ricchezza dell’opera letteraria. La storia del “Cavaliere dalla Trista Figura” riemerge dalle pagine – e dalla memoria – per proiettarsi  in una dimensione onirica e a tratti grottesca, tra verità e invenzione – ironia e poesia.  

Oltre la Scena – I Pomeriggi della Fondazione: incontro con gli artisti venerdì 5 aprile alle 17.30 nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta n. 2 a Cagliari: la parola ai protagonisti – Alessio Boni e Serra Yilmaz con la compagnia – per un ideale viaggio dietro le quinte e per una riflessione sul potere evocativo del teatro e sul rapporto tra arte e società- ingresso libero (fino a esaurimento posti)

Rassegna Significante

About Eleonora Piu

Eleonora Piu
Studentessa al terzo anno in Scienze della Comunicazione. Amante della buona compagnia e della buona musica.

Controlla anche

CeDAC - "TIPI" di e con Roberto Ciufoli in tournée in Sardegna

CeDAC – “TIPI” di e con Roberto Ciufoli in tournée in Sardegna

Roberto Ciufoli in tournée in Sardegna con “Tipi”, un viaggio nei labirinti della mente e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *