su questo sito web
Unica Radio App
ok alta veloticà

Rete 5G a Cagliari. Arriva l’ok dal Mise per l’alta velocità

Cagliari è la sesta città italiana in cui il Mise ha concesso al gestore Fastweb l’utilizzo delle frequenze della rete 5G per trasferire i dati ad alta velocità.

Si tratta di un altro importante passo in avanti verso una nuova dimensione smart della nostra città: intelligente, sicura, interattiva, sempre più a misura dei cittadini del terzo millennio. L’accordo prevede che la rete 5G potrà essere sperimentata in tre zone del capoluogo e nell’area di Is Molas, grazie al progetto curato dal Joint Innovation Center sviluppato da CRS4, Huawei e Regione Sardegna.

La decisione del Ministero è un importante riconoscimento alle competenze ad alta tecnologia dell’Isola, dove nei giorni scorsi è stato presentato dal Joint Innovation Center lo Ioc (Intelligence Operation Center), il supercervellone che proprio dalla Sardegna darà il via alla rivoluzione smart per trasformare le città italiane ed europee in luoghi più intelligenti e sicuri.

Dalla Regione spiegano che la scelta delle città in cui far partire la sperimentazione è stata fatta dal ministero per lo Sviluppo economico in base a vari parametri, come la possibilità di supportare le infrastrutture necessarie e le competenze ad alta tecnologia che consentano di portare avanti i progetti.

Il 5G è una piattaforma che apre nuove opportunità di sviluppo, una tecnologia per servizi innovativi che cambieranno profondamente il modo di vivere e di spostarsi dei cittadini ma anche il modo di produrre da parte delle imprese.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Sean Wheeler, il sindaco di Porto Torres

A Porto Torres divieto per la tecnologia 5G

Il sindaco di Porto Torres, Sean Wheeler, ha firmato l’ordinanza: vietata la sperimentazione e l’installazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *