Unica Radio App
leo pari Leo Pari porta il Largo Venue nelle stanze dell'Hotel Califano

Leo Pari porta il Largo Venue nelle stanze dell’Hotel Califano

Leo Pari anima un giovedì sera romano apparentemente anonimo. La sua elettronica si mischia con un cantautorato moderno e senza fronzoli.

Giovedì 29 novembre, quartiere Prenestino a Roma. Siamo in una zona in fase di riqualificazione, un limbo in cui convivono novità artistiche giovani e lo stereotipo del degrado periferico. Da qui si può scorgere il Largo Venue, una delle realtà più efficienti in materia di musica live della capitale. Il protagonista di turno è Leo Pari, nome noto dell’indie italiano. L’artista romano è in scena già da parecchi anni, tra dischi passati immeritatamente in sordina e un successo mai definitivamente sbocciato. Ma sicuramente, il buon Leo, ha qualcosa da dare al pubblico. Si presenta subito come uno showman che ha ben in mente il proprio obiettivo: trasformare un anonimo giovedì di fine novembre in una vera e propria serata. Maglietta arancione sgargiante, occhiali da sole tondi e un deejay pronto a buttar giù basi elettroniche imponenti. 

Leo Pari si destreggia per un’ora abbondante sullo stage, mostrandosi un mostro da palcoscenico e ringiovanendo la propria carta d’identità di almeno 15 anni. Balla, canta, gioca e si diverte come se non ci fosse un domani. Un sorso di cocktail tra un brano e l’altro aiuta a mantenere la disinibizione e lo stereotipato legame tra concerto e super alcolici: un evergreen intramontabile dall’effetto assicurato. Il toppeiro (balleto brevettato durante il tour con i Thegiornalisti) ha fatto successo e il pubblico risponde imitando il proprio beniamino. 

I testi di Leo Pari ballano sul sottile equilibrio tra moda e contenuto. Una controversa lotta tra apparenza e sostanza, in cui bisogna destreggiarsi con sapienza e incoscienza. Il cantautore riesce a trovare il suo personale equilibrio in questa dimensione fatta di elementi mainstream e contenuti indipendenti. La canzone d’amore viene contaminata da Tinder e dalle serate alcoliche, per fare un giro immenso e tornare al romanticismo di “vorrei dirti ti amo dentro l’ascensore”. 

Il pubblico balla, esulta e trova in Leo Pari il cantautore moderno, modaiolo ma non troppo, in grado di farti ballare e di lasciarti anche un messaggio. L’ispirazione di artisti del calibro di Battisti, Vasco Rossi e Franco Califano è evidente, ma questo non può che essere un umile e importante omaggio a un modo di fare musica difficile e passionale: senza fronzoli, senza aver paura della critica e senza pregiudizi. Pari fa la musica che gli piace e questo contribuisce al successo della sua serata

Da segnalare l’open act affidato a Urbania 78989 e Strade. I primi son giovani e devono ancora giocare nei campi di provincia per iniziare a potersi esprimere nel calcio che conta. I secondi dovrebbero lasciare a riposo i dischi di Vasco Rossi e Ligabue per cercare ispirazione altrove. Giovani e con ancora qualche chilometro da percorrere, ma la sostanza c’è.

 

Rassegna Significante

About Luca Piras

Luca Piras
Nato a Guspini e allevato con musica e birra artigianale. Dopo le scorribande nei palchi sardi come tastierista, si dedica al mondo radiofonico dal 2015. Baffi e occhiali sono il suo marchio di fabbrica e dove c'è la musica probabilmente c'è anche Luca Piras. Attualmente vive a Roma dove ha collaborato con Mediaset e scrive come blogger per HuffPost Italia.

Controlla anche

festival jazzalguer

“Si esce vivi dagli anni ’80” chiude il Festival JazzAlguer

Sabato sera ad Alghero (Ss) lo spettacolo “Si esce vivi dagli anni ’80”, chiude la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *