Unica Radio App
giotto cappella

BibliotecArte: alla scoperta di Giotto e della Cappella degli Scrovegni

Giovedì 25 Ottobre 2018 dalle ore 17.00 si terrà alla Biblioteca Tuveri, via Venezia, 23 a Cagliari, il secondo incontro di BibliotecArte su Giotto e la Cappella degli Scrovegni

Un ciclo di conversazioni e letture per adulti intorno all’arte e alla letteratura dedicato ogni mese ad un artista o movimento artistico differente. Il secondo appuntamento sarà improntato alla scoperta del genio di Giotto e della Cappella degli Scrovegni.

La partecipazione è gratuita

Per diffondere nell’immaginario collettivo una considerazione assolutamente positiva di se’, il ricco banchiere padovano Enrico Scrovegni nel 1300 acquista la zona dell’Arena Romana, per costruire il suo palazzo e una cappella dedicata alla Beata Vergine in suffragio dell’anima sua e di suo padre Reginaldo, l’usuraio ricordato da Dante nel Canto XVII dell’Inferno.

La piccola chiesa di forme semplici e pulite esternamente presenta all’interno un unico ambiente, terminante sul fondo con un presbiterio in cui si trova il sarcofago di Enrico Scrovegni, opera di Andriolo de Santi e sull’altare una Madonna col bimbo, opera dello scultore trecentesco Giovanni Pisano.
La cappella è costituita da un unico vano di 20,5 x 8,5 m. e di 18,5 m. in altezza con copertura a botte. L’intera decorazione è considerata uno dei massimi capolavori dell’arte di tutti i tempi.

Dopo aver visto Giotto e la sua scuola all’opera nella Basilica di Sant’Antonio, lo Scrovegni gli commissionò la decorazione murale della cappella (1303 al 1305).
Per questa commissione signorile, il noto pittore aveva a disposizione le pareti di una chiesa di piccole proporzioni e asimmetrica, per via delle sei finestre che si aprono soltanto sulla parete destra. Per rendere possibile l’attuazione del vasto programma iconografico, il pittore ha preso come punto di riferimento lo spazio tra le due finestre, calcolando di inserirvi due storie, una sopra all’altra.

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

festival

“Festival in Movimento” domani il terzo appuntamento

Festival in Movimento domani a Fluminimaggiore terzo appuntamento con “Cronache di una pandemia” con l’autrice …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *