Unica Radio App
zanna bianca

Intervista a Luigi D’Elia – Zanna Bianca – Festival dei tacchi 2018

Intervista a Luigi D’Elia – Zanna Bianca – Festival dei tacchi 2018

 
 
00:00 / 5:33
 
1X
 

Parte proprio dal classico della letteratura firmato Jack London, lo spettacolo che Luigi D’Elia presenta alla terza giornata del Festival dei Tacchi 2018.

Una storia famosa quella di Zanna Bianca che stavolta ci viene proposta in maniera inusuale. Francesco Niccolini, ovvero il regista, e Luigi D’Elia tornano a riformulare una storia a loro già nota, ma stavolta partendo dal punto di vista  dei lupi, selvatico e istintivo come si addice a queste creature cosi maestose. Un racconto che porta lo spettatore all’interno della grande foresta solo grazie alla voce dell’attore e nulla di più. Ad accompagnarlo sul palco, infatti, non troviamo alcun elemento scenico, solo lui, la storia di Zanna Bianca e la stretta relazione con il pubblico. Al centro della ricerca personale di Luigi, infatti, sta proprio il rendere le scenografia unicamente con l’utilizzo della parola e la modulazione della voce.

IMG 5759 Intervista a Luigi D'Elia - Zanna Bianca - Festival dei tacchi 2018
Luigi D’Elia durante la scena

Con la regia di Francesco Niccolini l’interpretazione di Luigi D’Eelia e il sostegno della residenza artistica di Novoli questo spettacolo ha avuto l’opportunità di crescere nel tempo e rimanere in continua evoluzione. Come dice l’interprete, l’obiettivo di eliminare completamente l’aspetto umano per favorire quello selvatico e animalesco, non è ancora stato raggiunto, ma c’è tempo.

Rassegna Significante

About Sara Sainas

Sara Sainas
Dopo il diploma artistico in accademia ho conseguito la laurea in scienze della comunicazione. Da qualche anno faccio l'intervistatrice seriale per conto di UnicaRadio. ah! e sono ancora una disegnatrice a sentimento.

Controlla anche

ascanio celestini

Si chiude domani la XX edizione del Festival dei Tacchi

A Jerzu l’esito finale del laboratorio “Clown” di Gardi Hutter, poi “Posidos” con Pierpaolo Piludu …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *