Unica Radio App
Mandela Day
Nelson Mandela

Mandela Day: a Cagliari e Sestu la quinta edizione

Giovedì 12 luglio alle 11.00 presso l’Hostel Marina di Cagliari verrà presentata alla stampa la quinta edizione del “#MandelaDay”

Saranno presenti all’incontro l’Assessore alla Cultura e Verde pubblico del Comune di Cagliari Paolo Frau, l’Assessore allo Sport, cultura, spettacolo e tradizioni popolari, politiche giovanili, comunicazione del Comune di Sestu Nicola Ruggiu,  Elisabeth Rijo (Associazione La Rosa Roja) e Consuelo Dessì (Associazione Mezcla Intercultura).

L’evento è organizzato dalle associazioni La Rosa Roja, Mezcla Intercultura, Madiba Sinnai, CSV Sardegna Solidale e la Caritas Diocesana, con l’adesione, tra gli altri, del Forum Sad, la Fondazione per il Sud e con il patrocinio del Comune di Cagliari e del Comune di Sestu.

LA FIGURA STORICA

Nelson Rolihlahla Mandela nasce il 18 luglio 1918. Dopo aver seguito gli studi nelle scuole sudafricane per studenti neri conseguendo la laurea in giurisprudenza, nel 1944 entra nella politica attiva diventando membro dell’ANC (African National Congress) guidando per anni campagne pacifiche contro il cosiddetto “Apartheid“, ossia quel regime politico che favorisce, anche sul piano legale e giuridico, la segregazione dei negri rispetto ai bianchi.

Del 1960 è l’episodio che segnerà per sempre la vita del leader nero. Il regime di Pretoria, durante quello che è conosciuto come “il massacro di Shaperville“, elimina volontariamente e con una proditoria operazione 69 militanti dell’ANC.

In seguito, mette al bando e fuorilegge l’intera associazione. Mandela, fortunatamente, sopravvive alla strage e riesce a fuggire. Raccolti gli altri esponenti rimasti in vita, dà vita ad una frangia militarista, decisa a rovesciare il regime e a difendere i propri diritti con le armi. Viene arrestato nel 1963 e dopo un procedimento durato nove mesi è condannato all’ergastolo.

il grande uomo sia costretto alla segregazione carceraria, lontano dagli occhi di tutti e dalle luci dell’opinione pubblica, la sua immagine e la sua statura crescono sempre di più nell’opinione pubblica e per gli osservatori internazionali.

Il regime tiene Mandela in gattabuia ma è sempre lui il simbolo della lotta e la testa pensante della ribellione. Nel febbraio del 1985, cosciente di questo stato di cose e ben consapevole che ormai non si poteva più toccare un tale simbolo, pena la ribellione di vasti strati dell’opinione internazionale, l’allora presidente sudafricano Botha offre a Mandela la libertà purché rinneghi la guerriglia. In realtà, l’accusa di sovversione armata, l’accenno alla guerriglia appunto, è solo un modo per gettare discredito sulla figura di Mandela, prospettando il fatto che fosse di base un personaggio predisposto alla violenza. Ad ogni modo Mandela rifiuta l’offerta, decidendo di restare in carcere.

Nel 1990 su pressioni internazionali e in seguito al mancato appoggio degli Stati Uniti al regime segregazionista, Nelson Mandela viene liberato.

Nel 1991 è eletto presidente dell’Anc, movimento africano per la lotta all’apartheid. Nel 1993 è insignito del premio Nobel per la pace mentre l’anno dopo, durante le prime elezioni libere del suo paese (le prime elezioni in cui potevano partecipare anche i neri), viene eletto Presidente della Repubblica del Sudafrica e capo del governo. Resterà in carica fino al 1998.

Nella sua breve vita politica ufficiale ha dovuto subire anche un’altra logorante battaglia. Trentanove case farmaceutiche intentarono un processo a Nelson Mandela portandolo in tribunale. L’accusa era quella di aver promulgato nel 1997 il “Medical Act”, una legge che permetteva al Governo del Sud Africa di importare e produrre medicinali per la cura dell’Aids a prezzi sostenibili. A causa delle proteste internazionali che tale causa ha sollevato, le suddette multinazionali hanno poi deciso di desistere dal proseguire la battaglia legale.

Sul piano della vita privata, il leader nero ha avuto tre mogli. Della prima consorte, sposata assai giovane, si sa ben poco. La seconda è la celebre Winnie, impalmata nel 1958 e diventata grazie alla sua strettissima unione con il marito sia in campo civile che politico, “madre della nazione africana”. Durante gli anni difficili del marito è stata tuttavia travolta da scandali di vario tipo, dal sequestro di persona all’omicidio. Nel 1997 i due si sono ufficialmente separati, con tanto di divorzio legale. Mandela però, sebbene ottantenne, si è poi risposato con la cinquantenne Gracia, vedova del presidente del Mozambico, assassinato in un incidente aereo organizzato dai servizi segreti del regime segregazionista bianco.

Nel giugno 2004, all’età di 85 anni, ha annunciato il suo ritiro dalla vita pubblica per passare il maggior tempo possibile con la sua famiglia. Il 23 luglio dello stesso anno, con una cerimonia tenutasi a Orlando (Soweto), la città di Johannesburg gli ha conferito la più alta onorificenza cittadina, il “Freedom of the City”, una sorta di consegna delle chiavi della città. Nelson Mandela muore all’età di 95 anni il giorno 5 dicembre 2013.

Rassegna Significante

About Pasquale Mattu

Pasquale Mattu
Laureato in Lingue e Comunicazione a Cagliari e specializzando in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni a Urbino. Appassionato di advertising e marketing da tempo immemorabile, dipendente da musica, cinema e fotografia. Nel tempo libero ascolto metal, leggo, creo memes, guardo vecchi film e appena posso viaggio.

Controlla anche

istockphoto 1166484507 170667a Festival Autunno Danza, la 26° edizione

Festival Autunno Danza, la 26° edizione

La 26° edizione del festival di danza contemporanea e arti performative Autunno Danza si terrà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *