Unica Radio App
Gisella Mura

Cuore Sardo Capitolo III – personale di pittura di Gisella Mura a Norbello

La personale di Gisella Mura racconta il percorso di un’artista che ama sperimentare segni, linee e materie, per raccontare la Sardegna.

Dal 14 al 31 luglio 2018, il MIDI – Museo dell’Immagine e del Design Interattivo ospiterà la mostra personale dell’artista Gisella Mura, a cura dello storico dell’arte Daniela Madau (Damadelguilcier). La personale, vuole raccontare il percorso di un’artista che ama sperimentare segni, linee e materie, per raccontare la Sardegna e la sacralità della nostra tradizione, secondo il suo caratteristico tratto. La mostra aprirà al pubblico sabato 14 Luglio, alla presenza dell’artista e dello storico dell’arte Daniela Madau.

La selezione delle opere, ruoterà attorno a un tema caro a Gisella Mura: la Sardegna, la sua storia ancestrale, le nostre leggende, il ruolo determinante della donna e della figura femminile nella cultura sarda, la sacralità nella nostra quotidianità. Gisella Mura: un’artista sarda, una profonda conoscitrice della tradizione dell’Isola ma, nel contempo, un’ambasciatrice della nostra cultura nel mondo.

Di fatto, reduce da numerose esperienze e collettive a cavallo tra la Sardegna, l’Italia, l’Europa e l’America Latina, eletta tra i vincitori della 12° Biennale di Roma, racconta l’amore e la passione per la Sardegna attraverso tele, disegni e ceramiche di grande impatto emotivo.

Ma chi è Gisella Mura?

“Un’artista che studia e racconta la forma umana, spaziando dal neoclassicismo all’arte bizantina ma con un tratto decisamente ancorato alla sua terra d’origine. Ha sempre ricoperto un ruolo da protagonista nel percorso di valorizzazione e crescita della comunità di Collinas partecipando attivamente all’organizzazione di eventi e manifestazioni, membro di giurie di arte contemporanea. Dopo un percorso universitario all’Accademia di Belle Arti di Sassari, non ha mai abbandonato il pennello e gli studi sulla Sardegna. Un’arte emotivamente forte che esce dalle tele e cattura l’attenzione per la forza che emana, dalle maschere tradizionali sarde ai suonatori di launeddas, per poi soffermarsi sulle forme sensuali e passionali della donna.

La figura femminile, la protagonista principale della sua attività, a tratti madre dolce e affettuosa, a tratti passionale e divina. Le sue opere sono un complesso armonico di simbologia, sardità e femmineo.. si, perché da un’attenta osservazione, le maternità nascondono tratti peculiari dell’abito tradizionale sardo, la donna come divinità che reinterpreta il culto antico della dea madre, la donna che esce dagli stereotipi e si afferma nella società contemporanea.

La sua creatività sta nell’utilizzo attento dei materiali: stucco, gesso, acrilico, terracotta e plexiglass, olii e pastelli a olio per permettere alle sue opere di uscire dalla tela e catturare gli spettatori per la loro interazione con gli spazi. Uso misurato del colore, toni caldi si affiancano con eleganza a altri freddi, per la maggiore rosso, nero e bianco e qualche sperimentazione verde che accolgono le sue figure dagli incarnati marmorei o dorati. Uno stile impetuoso di una pittrice che, nelle sue tele, valorizza e celebra la tridimensionalità dell’acrilico e degli smalti. Tele che esplodono da se stesse e raccontano la perfezione dell’essere umano. Donne che padroneggiano la tela, che raccontano la Sardegna nella sua essenza”

Analisi critica a cura dello storico dell’arte Daniela Madau

Rassegna Significante

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

opera di Josephine Sassu

Mostra personale di Josephine Sassu

“Sono Nelle Tue Mani” mostra personale di Josephine Sassu a cura di Roberta Vanali Spazio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *