Unica Radio App
restauro

Concerto per il restauro dell’organo di Sant’Antonio

Venerdì 20 aprile conferenza e concerto per il restauro dell’organo di Sant’Antonio, il più antico della Sardegna.

Una serata d’eccezione per celebrare l’avvio del restauro del più grande organo storico della Sardegna,. Ovvero quello custodito nella Chiesa di Sant’Antonio Abate a Cagliari.

L’appuntamento è per venerdì 20 aprile alle 18, 30, proprio nel luogo di culto cagliaritano (in via Manno). Luogo dove il Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina” organizza una conferenza- concerto dedicata a uno degli strumenti più importanti dell’isola.

Il restauro del grande organo Agati-Tronci del 1887 comincerà a giungo. Inoltre è stato promosso dal “LabOs” (Laboratorio Organi Storici del Conservatorio). Questo è coordinato dal docente di organo Angelo Castaldo e dal musicologo Roberto Milleddu.

L’incontro e il dialogo tra il Conservatorio di Cagliari con il suo LabOs e la committenza (l’arciconfraternita della Vergine Ss.ma d’Itria), la Curia arcivescovile di Cagliari e la Soprintendenza, ha reso possibile avviare l’eccezionale restauro.

Alla conferenza saranno presenti il direttore del Conservatorio “Palestrina”, Giorgio Sanna, il presidente, Gianluca Floris e l’assessore alla Cultura del Comune di Cagliari, Paolo Frau.

A seguire, alle 19,30, nella vicina chiesa del Santo Sepolcro si terrà un breve concerto di musiche dell’Ottocento. Protagoniste alcune allieve del Conservatorio: le organiste Francesca Ajossa, Benedetta Porcedda e il soprano Federica Cubeddu.

Rassegna Significante

About Valentina Angius

Valentina Angius
Ho 21 anni e vivo a Cagliari. Fra una serie tv ed un'altra sono una studentessa di Scienze della Comunicazione. Amo il cinema, ascoltare musica triste e mangiare a tutte le ore.

Controlla anche

Auditorium conservatorio

Amici della Musica: si riparte con Beethoven nel 250°anniversario della nascita 

Gli Amici della Musica di Cagliari ripartono nel segno di Beethoven nell’anno del 250° anniversario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *