Home / Articoli / Teatro / L’ultima sigaretta con Gramsci
Unica Radio App

L’ultima sigaretta con Gramsci

L’ultima sigaretta con Gramsci è presentato daAssociazione Culturale – Ludus Factory

L’ultima sigaretta con Gramsci è un reading dinamico del testo da cui sarà tratto lo spettacolo omonimo, che esordirà a luglio e toccherà diverse città del Sud Sardegna.

Si terrà sabato 6 aprile al Crogiulo- Fucina Teatro, La Vetreria a Pirri, il primo studio de “L’ultima sigaretta con Gramsci” prodotto dall’Associazione Culturale Ludus Factory scritto e diretto da Matteo Loglisci. Con la partecipazione degli attori Andrea Atzori, Davide Sanna, Carlo Soro, Sara Cappello, Carla Mecucci, il pubblico sarà testimone dello sviluppo della pièce ancora in nuce.

Attraverso i canoni del dramma antico applicati al contesto contemporaneo, la tragica vicenda umana di Antonio Gramsci sarà raccontata in una forma insolita, tra dialoghi, coreutica, riflessioni e metateatro.L

L’Opera
Un drammaturgo misconosciuto, in preda ad una crisi economica ed esistenziale, offuscato dal fumo di innumerevoli sigarette e frustranti ricerche su un tema “spendibile” per l’onnivoro mercato dello spettacolo, si “arrende” all’idea di inscenare la vicenda di Antonio Gramsci, il grande pensatore sardo, noto ad ogni latitudine.

Ma come un illustre sconosciuto può teatralizzare la vicenda del celeberrimo fondatore del partito comunista d’Italia, in chiave inedita e originale? La folgorazione sopraggiunge con un’idea antica, quanto il teatro stesso: la Tragedia Greca. Utilizzando i canoni del dramma antico, il protagonista della vicenda, si trova alle prese con un’imprevedibile e incontrollabile esperienza meta-teatrale.

All’improvviso, lo stesso Antonio Gramsci, con estremo stupore del nostro protagonista, si materializza nell’angusto monolocale di quest’ultimo, dando il via ad una grottesca e fantasmagorica sfilata di coreuti e “maschere” tra le più significative della vita del filosofo nato ad Ales.

Sballottato dalle chiacchiere di un coro di opinionisti (che sciorina luoghi comuni e cliché), la fondamentale figura della sua dolce madre, il fiero cipiglio di Benito Mussolini, il controverso rapporto con Palmiro Togliatti e la tenerezza del legame con Julka e Tatiana Schucht, il protagonista compie un percorso di presa di coscienza sulla storia passata e la nostra contemporaneità.

Come in un dialogo platonico, Gramsci condurrà il drammaturgo verso la consapevolezza che ogni icona possa venire svuotata della propria forza antagonistica, nel contesto di una società consumistica, dove tutto è venduto, incluso l’antagonismo stesso. Al protagonista del dramma, spogliato di ogni certezza relativa al proprio ruolo di artista, non resta che fumare un’ultima sigaretta con Antonio Gramsci.

Listen Unica Radio on Spotify

About Marco Meli

Marco Meli
Un giovane imprenditore laureato in economia e management. Appassionato di sport (work out) ed arte contemporanea. Per via della mia scelta lavorativa passo gran parte del tempo nel locale che da poco ho aperto in centro a Cagliari, frutto di tanto impegno e grande passione per il mestiere. Nel frattempo sono riuscito ad ottenere l'attestato di Sommelier per soddisfazione strettamente personale. Avendo un socio in azienda in sede distaccata, approfitto periodicamente per viaggiare nel nord Italia, precisamente a Como dove abbiamo un attività di abbigliamento in condivisione.

Controlla anche

A Villacidro una settimana dedicata alla tessitura

Mostre, laboratori, e presentazioni letterarie grazie al progetto “Villacidro, i segreti del telaio” Dal 25 maggio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.