Home / Articoli / Arte e mostre / Alla cittadella dei musei il primo volume scritto da Camillo Golgi

Alla cittadella dei musei il primo volume scritto da Camillo Golgi

In mostra alla Cittadella dei Musei di Cagliari c’e’ il primo volume scritto da Camillo Golgi, il primo scienziato italiano a vincere il premio Nobel. Il libro fa parte della collezione di rari testi scientifici donati da Giuseppe Sterzi (fino al 1919 direttore dell’istituto anatomico) all’Università di Cagliari. L’esposizione, inaugurata questa mattina dal rettore Maria del Zompo, è visitabile fino al 30 aprile.

“Gli studenti che frequentano il nostro Ateneo hanno a che fare con la conoscenza, cioè con la possibilità di comprendere davvero ciò che accade. La cultura è importante a prescindere dal mestiere che i nostri ragazzi faranno: il loro far parte del nostro Ateneo li renderà cittadini critici e capaci di far crescere la nostra società in un mondo che si sviluppa. Non smarriamo l’essenza di ciò che l’università può fare: grazie al prof. Alessandro Riva che anche con questa iniziativa ce lo ricorda costantemente”. Queste le parole di Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, durante l’inaugurazione dell’esposizione di rari testi scientifici visitabile alla Cittadella dei Musei fino al 30 aprile.

La Rettrice Maria del Zompo durante l’inaugurazione della mostra

Organizzata dal professor Alessandro Riva, Professore Emerito di Anatomia, la nuova mostra si trova accanto al Museo “Raccolta delle Cere Anatomiche di Clemente Susini” ed espone una selezione di preziosi testi, donati dall’Ateneo dal professor Giuseppe Sterzi, che fu direttore dell’Istituto anatomico fino al 1919, e dai suoi eredi, catalogati in un fondo speciale ad opera del compianto Beniamino Orrù (1943-2013), già promotore e Direttore della Biblioteca del Distretto Biomedico-scientifico dell’Ateneo del capoluogo sardo.

Tra i preziosi volumi che possono essere ammirati c’è anche il primo volume scritto da Camillo Golgi, il primo scienziato italiano a vincere il Premio Nobel. Di rilievo anche il grande e raro atlante di anatomia, di Marco Leopoldo e Floriano  Caldani “Tabularum anatomicarum pars tertia sectio prima. Uterus gravidus embriones humani cor arteriae venae tabula CXXXV-CCIV [1810]”, donato dalla nipote di Sterzi al professor Riva, e da questi ceduto all’Ateneo. Il motivo del dono è l’impegno dimostrato nella valorizzazione della personalità scientifica ed umana di suo nonno dal prof. Riva, che ha poi devoluto il prezioso atlante al Museo delle Cere, dove verrà esposto in permanenza accanto ai modelli anatomici.

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con la Biblioteca Biomedica ed il Dipartimento di Scienze Biomediche nel centenario della morte del prof. Giuseppe Sterzi (1876-1919), Direttore dell’Istituto Anatomico di Cagliari negli anni 1910-1919. La mostra rimarrà aperta fino al 30 aprile ed è visitabile dal martedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19, mentre il lunedì si osserverà un giorno di chiusura.

Listen Unica Radio on Spotify

About Federico Montaldo

Federico Montaldo
Studente di Lingue e Comunicazione, appassionato di cinema, musica e fotografia.

Controlla anche

Anelli elastici come nuovo modello di materia soffice

Un team di ricerca del Cnr-Isc ha dimostrato, grazie a un modello numerico di anelli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.