Home / Articoli / Università e Ricerca / La politica del farmaco e dei dispositivi medici dall’HTA al payback
Unica Radio App

La politica del farmaco e dei dispositivi medici dall’HTA al payback

Giovanna Scroccaro, Direzione Farmaci, Dispositivi e Protesica, Regione del Veneto ha introdotto la tavola rotonda intitolata ‘La politica del farmaco e dei dispositivi medici dall’HTA al payback’.

Gli attuali sistemi di controllo della spesa dei farmaci a livello statale consistono nella definizione del prezzo rimborsato, la limitazione di alcuni ambiti di utilizzo e il payback. A queste misure si aggiungono azioni regionali finalizzate a migliorare l’appropriatezza prescrittiva e gli acquisti tramite gara. Nonostante queste misure la spesa dei farmaci supera ogni anno il tetto programmato e l’unico mezzo per compensare l’eccedenza di spesa è rappresentato dal payback. Per i dispositivi medici non esiste nemmeno una definizione nazionale del prezzo, che è libero e contrattato unicamente a livello periferico dalle singole centrali di acquisto: la conseguenza è l’ampia e non giustificata variabilità regionale dei prezzi. Anche per i dispositivi medici il tetto di spesa programmato dallo Stato viene superato ogni anno.

Il payback dei farmaci e dei dispositivi rappresenta quindi una opzione oggi non eliminabile nella prospettiva del servizio sanitario nazionale che rappresenta il principale acquirente dei farmaci e dei dispositivi medici, almeno fino a quando non verranno messe in atto misure alternative efficienti che consentano di garantire i livelli di spesa programmati. “Lo scompenso cardiaco sta diventando la più frequente causa di ricovero in tutta Italia – ha detto Sebastiano Marra, direttore Dipartimento Cardiologia Villa Pia Hospital, Torino – generalmente sono pazienti anziani, complessi e con molte comorbidità. Per questo, la diagnostica è importante poiché tende a darci informazioni sempre più precoci nel prevenire recidive. Inoltre, la terapia interventistica ci sta permettendo di trattare pazienti considerati senza speranze fino a pochi anni fa.

Non si tratta solamente di migliorare la vita, ma sicuramente la qualità. La regione Campania ha come snodo strategico il nuovo Tavolo permanente per la farmaceutica regionale. Ne ha parlato Ugo Trama, responsabile della UOD 08 ‘Politica del Farmaco e Dispositivi’ presso la Direzione Generale per la Tutela della Salute e il Coordinamento del SSR, Regione Campania. “Il Tavolo si riunisce mediamente con cadenza mensile, e vi partecipano clinici, farmacisti, farmacologi e esperti di farmacovigilanza. Secondo la strategia regionale si va verso un superamento del prontuario regionale eanalogamente perdono di significato i prontuari locali. Inoltre, il Tavolo ha anche responsabilità in tema di HTA (Health Technology Assessment) e di monitoraggio consumi e si avvale principalmente della collaborazione dell’Università ‘Federico II’ di Napoli.Per quanto concerne gli acquisti la Regione si avvale della centrale di acquisto SoReSa per circa il 70-80 per cento, che cura anche la piattaforma per monitorare e incrociare registri e consumi. Per la gestione dei payback, ove previsti, l’intenzione regionale è quella di ritornarli alle aziende”.

Listen Unica Radio on Spotify

About Michele Mascia

Michele Mascia
Mi chiamo Michele Mascia, sono nato a Cagliari il 13 Marzo del 1995, dove tutt'ora vivo. Sono uno studente universitario iscritto all Università di Cagliari in Lingue e Culture per la Mediazione Linguistica. Tra le mie passioni ci sono i viaggi, la musica e film e serie tv.

Controlla anche

Tumori metastatici: nuove applicazioni farmacologiche

Identificati farmaci, attualmente in uso con differenti indicazioni terapeutiche, in grado di bloccare in laboratorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.