Home / Articoli / Musica / Intervista a Silvia Corda e Carla Onni: “Da Ora in Poi” esprime la forza delle donne
Unica Radio App

Intervista a Silvia Corda e Carla Onni: “Da Ora in Poi” esprime la forza delle donne

Le artiste raccontano il loro spettacolo “Da Ora in Poi”, in scena sabato 2 febbraio alle 21:00 presso la sede di MayMask, in via Giardini 149 a Cagliari

Abbiamo intervistato Silvia Corda e Carla Onni, rispettivamente la compositrice musicale e la coreografa nonché danzatrice all’interno dello spettacolo intitolato “Da Ora in Poi”, promosso da MayMaskIncontri d’Arte e prodotto da ImprovvisaMente.

Sono tempi duri, per le donne! Così Silvia Corda e Carla Onni hanno dato vita a uno spettacolo in cui la musica e la danza si intrecciano proprio per raccontarle e dare sfogo alle loro emozioni, debolezze e insieme alla loro forza, alla capacità di rialzarsi e combattere abusi, violenze e intimidazioni.

“Da Ora in Poi” si prefigge anche di fare la guerra agli stereotipi di genere alimentati da una società creata dagli uomini e veicolata dagli stessi. Viviamo un periodo ricco di contraddizioni: da un lato le arti performative che tentano a più riprese di sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne, e dall’altro lato i loro detrattori, che abitano proprio le istituzioni che più di tutte dovrebbero essere in prima linea nell’offrire loro protezione e tutela.

Un’inversione di tendenza che si registra proprio a partire dagli ultimi dibattiti parlamentari, i quali hanno portato all’elaborazione di nuovi “mostri” come ad esempio il Disegno di Legge Pillon, dove la parola “violenza” compare solo una volta nel testo, indefinita, e dove viene quasi negata l’esistenza della violenza domestica; in un quadro che sovverte l’istituto famigliare puerocentrico così come era stato delineato dal legislatore con la riforma del diritto di famiglia nel ’75.

«La danza e la musica non hanno un approccio narrativo, lavorano sull’aspetto sensoriale e percettivo, per cui si attivano degli stati immaginifici ed emozionali in modo totalmente indipendente in ogni persona, nel senso che noi proponiamo delle immagini coreografiche che ognuno recepisce in modo diverso…» sottolineano le artiste intente nell’annoso compito di provare a descrivere il loro lavoro.

Uno spettacolo ricco di phatos, capace di emozionare e anche di sconfinare nella parte più razionale dell’animo umano, insinuandoci dubbi su dove stiamo andando e su cosa è necessario cambiare, sperando sempre nel lieto fine.

Intervista a Silvia Corda e Carla Onni: “Da Ora in Poi” esprime la forza delle donne

 
 
00:00 / 12:11
 
1X
 
Listen Unica Radio on Spotify

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Intervista ad Armando Punzo: «voglio lavorare con i non-professionisti»

Al Teatro Massimo di Cagliari va in scena “Beatitudo” con gli attori-detenuti della “Compagnia della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.