Home / Articoli / Altro / Sardi in Venezuela tra crisi e rischio di una guerra civile
Musica e Storia

Sardi in Venezuela tra crisi e rischio di una guerra civile

Il momento delicato che sta investendo il Venezuela preoccupa il Crei: “Non abbandoniamo i sardi emigrati”

Sono oltre 350, secondo i dati Aire, i sardi residenti in Venezuela. Fanno parte della vastissima comunità di italiani pienamente inseriti nella società venezuelana e che, dopo anni di crisi economica e sociale, vivono in una situazione di precarietà e di povertà. Oggi poi, con il paese sull’orlo della guerra civile, non ci sono notizie certe sulla loro condizione: in questa situazione non bastano le politiche dirette alla promozione culturale-commerciale della Sardegna – sostiene Crei Acli (Comitato Regionale Emigrazione e Immigrazione) – ma è necessario attivare dei canali diretti per portare aiuti umanitari e sostenere i nostri emigrati.

I sardi in Venezuela sono una comunità numerosa ed organizzata e un loro rappresentante ha fatto parte della Consulta Regionale per l’emigrazione. In questi giorni, il Crei Acli si sta impegnando per sostenere diverse famiglie che sono arrivate in Sardegna con l’aggravarsi della crisi.

Alla Regione Sarda si chiede di impegnarsi presso i competenti Ministeri per ottenere notizie certe sulla condizione dei nostri conterranei nel paese Sudamericano, verificare se esistano situazioni di bisogno o pericoli per la comunità sarda ed eventualmente promuovere ogni iniziativa di solidarietà utile ad aiutare i nostri corregionali in Venezuela e le loro famiglie.

Listen Unica Radio on Spotify

About Simone Cadoni

Simone Cadoni
Nato a Cagliari nel 1993. Laureatosi in Lingue e Comunicazione, è da sempre affascinato dal mondo dei media e dell'informazione. Vede il giornalismo non come un lavoro, ma come uno stile di vita. Contatti: simone.cadoni@unicaradio.it

Controlla anche

Nucleare in Sardegna, nessun deposito nell’isola

Appello al neo governatore Solinas, si pronunci e respinga ipotesi del deposito nucleare in Sardegna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.