Home / Articoli / Università e Ricerca / Radio come social media: comunità e partecipazione
Unica Radio App

Radio come social media: comunità e partecipazione

Dal 19 al 21 settembre 2019 l’Università di Siena ospita la
conferenza della Sezione di ricerca radiofonica di ECREA. Tema del 2019 è la radio come mezzo di comunicazione sociale / conviviale

Nell’era della piattaforma della cultura (Nieborg & Poell 2018) tutti i media si stanno trasformando in una piattaforma digitale e ogni audience viene datafattata e mercificata. Qual è il ruolo della radio all’interno di questo nuovo ecosistema dei media? Tim Wu (2011) ha mostrato come la radiodiffusione fu incentrata sull’etica del profitto, ma nella sua storia il mezzo radiofonico è stato in grado di sfuggire parzialmente alla sua mercificazione e si è ritagliata un ruolo sociale come media del servizio pubblico e, di media comunitari / civici, più aperti all’interazione e alla partecipazione del pubblico rispetto a quelli utilizzati per la televisione e la stampa.

In un ecosistema mediatico sempre più plasmato dagli algoritmi, la radio è l’unico mezzo che ha ancora una componente analogica rilevante, specialmente nelle aree non occidentali del mondo. La rilevanza della radiodiffusione analogica non è solo una pratica residua, ma potrebbe anche essere definita uno spazio di libertà, una pratica di resistenza al processo di platformizzazione.

Radio come social media è il tema della conferenza radio 2019 dell’ECREA. Cosa significa essere un “social media” nell’era dei “social media” digitali? 
La nostra proposta è che la radio, per essere “sociale”, debba essere “conviviale”, nel senso proposto da Ivan Illich nel suo lavoro “Tools for Conviviality” (1973), che ha ispirato anche i primi hacker e creatori di casa storia del computer.

Convivialità è un concetto introdotto da Ivan Illich nel 1973. Ha immaginato un mondo in cui le persone avevano una relazione aperta con il mondo materiale che li circondava, comprese le tecnologie utilizzate: “Ho scelto il termine” convivialità “per designare l’opposto della produttività industriale. Intendo che significhi un rapporto autonomo e creativo tra le persone e il rapporto delle persone con il loro ambiente» (1973, p.11). La convivialità riguarda l’essere vigorosamente impegnati nelle relazioni, consapevoli di valori e significati. Per Illich, una tecnologia conviviale era uno strumento che le persone potevano manipolare, trasformare, adattare e controllare. Gli strumenti conviviali sono “quelli che hanno dato ad ogni persona che li usa la più grande opportunità di arricchire l’ambiente con i frutti della sua visione” (1973, 21).
La convivialità, come ha osservato David Gauntlett, “riguarda quindi il potere di plasmare il proprio mondo. Illich chiarisce che gli individui devono mantenere questo potere – la società non deve cercare di svuotarli da loro “(2011, p 168).

È ancora possibile un uso sociale / conviviale della radio nell’era del giornalismo e del consumo musicale guidati da algoritmi proprietari?

Questa conferenza mira a riunire tutti gli studiosi che stanno attualmente esplorando, da prospettive diverse e / o interdisciplinari, il complesso intreccio tra radio / audio / media digitali e società. 

La conferenza cercherà di situare studi radiofonici all’interno del più ampio ecosistema dei media contemporanei e mira a iniziare un dialogo con e accettare contributi da studi su Internet, studi di piattaforma, studi sui social media, economia politica critica dei media, storia dei media, gestione dei media digitali, culturale Studi, studi di produzione, etnografia, studi del suono, scienze sociali.

ECREA Radio Research 2019 non è solo una conferenza, vuole essere anche un festival. Un festival per la comunità di studiosi con un interesse per la radio.

Listen Unica Radio on Spotify

About Eleonora Pisano

Eleonora Pisano
Sono una studentessa di beni culturali e spettacolo,appassionata di cinema,arte,musica e teatro. Vivo a Cagliari da un anno e mezzo e adoro scrivere e leggere: mi definisco "una discepola del Vate".

Controlla anche

“Diversamente giovani”, evento a Cagliari

L’evento “ Diversamente giovani. Il metodo dell’invecchiamento attivo attraverso il dialogo con le nuove generazioni” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.